Parola di ladro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parola di ladro
Titolo originale Parola di ladro
Paese di produzione Italia
Anno 1957
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Gianni Puccini e Nanni Loy
Soggetto Bruno Baratti e Nanni Loy
Sceneggiatura Bruno Baratti, Gianni Puccini e Nanni Loy
Fotografia Roberto Gerardi
Montaggio Giuseppe Varriale
Musiche Mario Nascimbene
Scenografia Carlo Egidi
Interpreti e personaggi
Premi

Nastro d'argento al miglior attore non protagonista

Parola di ladro è un film del 1957, diretto da Gianni Puccini e Nanni Loy.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Desiderio è un ladro gentiluomo specializzato nel furto dei gioielli, un vero esperto sia nella stima che nella falsificazione dei preziosi. Stimatissimo per queste sue qualità da chi non conosce la sua attività illegale, riesce a farsi assumere come direttore nella grande gioielleria di Gabriele Bertinori. Mettendo a frutto le proprie abilità nella lavorazione dei gioielli, produce l'imitazione perfetta di un monile che porta incastonato un enorme, preziosissimo diamante: nella sua posizione di direttore, gli sarà facile sostituirlo all'originale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema