Un giorno da leoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un giorno da leoni
Titolo originale Un giorno da leoni
Paese di produzione Italia
Anno 1961
Durata 118 min
Colore b/n
Audio sonoro
Genere guerra
Regia Nanni Loy
Soggetto Alfredo Giannetti, Nanni Loy
Sceneggiatura Alfredo Giannetti, Nanni Loy
Produttore Franco Cristaldi
Casa di produzione Galatea Film, Lux Film, Vides Cinematografica
Fotografia Marcello Gatti
Montaggio Ruggero Mastroianni
Musiche Carlo Rustichelli
Scenografia Carlo Egidi
Costumi Vera Marzot
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un giorno da leoni è un film del 1961, diretto da Nanni Loy e prodotto da Franco Cristaldi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma, 8 settembre 1943: Danilo, studente universitario, evita l'arruolamento mentre il suo amico Michele, un giovane e pavido ragioniere, già su un treno diretto a Nord assieme ad altri impiegati del suo ministero, fugge e riesce a tornare a Roma, dove ha lasciato la fidanzata Ida. Vinto dalla paura, tuttavia, si unisce a Danilo per cercare di superare la linea Gustav. Per caso conoscono Gino, che si aggrega ai due amici quando il treno della ferrovia Roma-Fiuggi-Alatri sul quale viaggiano viene fermato dai Tedeschi. I tre si rifugiano in una cantina, adibita a "covo" di un gruppo di ex-soldati, comandati da Orlando. I militari vengono poi raggiunti dal partigiano Edoardo, che dà loro il compito di far saltare un ponte utilizzato dalle truppe tedesche per ricevere rifornimenti. Procuratosi l'esplosivo necessario al sabotaggio, il gruppo si disperde però alla notizia della cattura di Edoardo da parte dei Tedeschi. Danilo, Michele e Gino tornano a Roma, dove vengono a conoscenza della morte di Edoardo, che ha affidato ai compagni il compimento del sabotaggio. Profondamente maturati, i tre giovani protagonisti decidono di portare a termine la missione: riunitisi ad Orlando, riusciranno a far saltare il ponte. Nell'operazione, Michele perderà la vita, riscattando con un gesto da vero eroe una vita vissuta nel terrore.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La scena finale fu girata al ponte di Ronciglione, sulla ferrovia Civitavecchia-Orte.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema