Panico a Needle Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Panico a Needle Park
Panicoalpacino.JPG
I protagonisti Bobby (Al Pacino) e Helen (Kitty Winn)
Titolo originale The Panic in Needle Park
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1971
Durata 110 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85 : 1
Genere drammatico
Regia Jerry Schatzberg
Soggetto James Mills
Sceneggiatura Joan Didion e John Gregory Dunne
Produttore Dominick Dunne, Roger M. Rothstein (produttore associato)
Casa di produzione Didion-Dunne Inc.
Fotografia Adam Holender
Montaggio Evan Lottman
Musiche Katherine Wenning
Scenografia Murray P. Stern, Philip Smith
Costumi Jo Ynocencio
Trucco Herman Buchman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Festival di Cannes 1971: premio per la migliore interpretazione femminile (Kitty Winn).

Panico a Needle Park (The Panic in Needle Park) è un film del 1971 diretto da Jerry Schatzberg, con Al Pacino nel suo primo ruolo da protagonista.

Il titolo fa riferimento a Needle Park, il nome confidenziale di Sherman Sq., (lett. "parco della siringa") tra la Amsterdam Avenue e la Broadway nel quartiere dell'Upper West Side a Manhattan, New York.

Presentato in concorso al 24º Festival di Cannes, il film è valso il premio per la migliore interpretazione femminile alla protagonista Kitty Winn.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Needle Park, New York: Bobby è un piccolo spacciatore con un fratello ladro. Entra ed esce di galera dall'età di nove anni. Sebbene non si droghi, Bobby “spizzica” e, paradossalmente, è pieno di voglia di vivere, nonostante i suoi molti amici siano tutti drogati. Helen ha lasciato la sua famiglia (padre, madre, fratelli, cane e casa con giardino) e si è trasferita a New York per i suoi studi di arte. È dolce, riservata silenziosa. Dopo un aborto conosce Bobby e s'innamorano. Bobby vuole sposare Helen, lei vorrebbe andare a vivere in campagna.

Bobby passa dallo "spizzicare" al farsi pesantemente di eroina. La polizia sequestra un carico di droga di lì a pochi giorni non si troverà neanche una dose e allora sarà il panico tra i tossici del Needle park. Helen vuole aiutare Bobby e per farlo, inizia a prostituirsi così avranno i soldi per le dosi. Alla fine Helen parlerà con la polizia, tradirà Bobby, che viene arrestato e condannato a sei mesi di carcere. Quando esce di prigione, fuori c'è Helen ad aspettarlo.

Commento[modifica | modifica sorgente]

È un film duro e crudo. Toglie il fiato per le immagini impietose. È una discesa all'inferno. È un grido di dolore. Ma è anche un film di denuncia: medici privi di etica che vendono flaconi di metadone alle drogate; la polizia, nella persona di Hotch, della sezione narcotici, sembra voglia aiutare Helen ma da lei vuole solo i nomi dei trafficanti da cui Bobby si rifornisce. Vuole arrestare il Boss, vuole fare il colpaccio, non gli interessa altro.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

In Inghilterra il film venne censurato (revocata nel 1975), in Italia è stato vietato ai minori di anni 18.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Awards 1971, festival-cannes.fr. URL consultato il 16 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema