Péter Szondi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Péter Szondi (Budapest, 27 maggio 1929Berlino, 9 novembre 1971) è stato un critico letterario, filologo e accademico ungherese.

Suo padre era lo psicoanalista ebreo-ungherese Léopold Szondi che, dopo essere stato internato nel lager nazista di Bergen-Belsen, si stabilì in Svizzera. Peter Szondi fu autore di studi d'avanguardia nel campo della teoria teatrale e dell'ermeneutica letteraria, su Hölderlin, Rilke e Paul Celan. Si addottorò nel 1956 con una tesi dal titolo "Teoria del dramma moderno". Insegnò all'università di Gottinga e di Heidelberg e infine alla Freie Universität di Berlino, dove diresse l'Istituto di Letteratura Comparata. A soli 42 anni si suicidò per annegamento a Berlino.

Libri pubblicati in Italia[modifica | modifica sorgente]

  • Teoria del dramma moderno (1880-1950), Torino, Einaudi, 1962, n. ed. 2000
  • Poetica dell'idealismo tedesco, Torino, Einaudi, 1974
  • Introduzione all’ermeneutica letteraria, Parma, Pratiche, 1979; Torino, Einaudi, 1992
  • Le Elegie Duinesi di Rilke, Milano, SE, 1997
  • Antico e moderno nell’estetica dell’età di Goethe, Milano, Guerini, 1998
  • Saggio sul tragico, Torino, Einaudi, 1999
  • Poetica e filosofia della storia, Torino, Einaudi, 2001
  • La poetica di Hegel, Torino, Einaudi, 2007

Controllo di autorità VIAF: 2477319 LCCN: n50012676