No Code

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
No Code
Artista Pearl Jam
Tipo album Studio
Pubblicazione 27 agosto 1996[1]
Durata 49 min : 30 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Alternative rock[1]
Hard rock[1]
Etichetta Epic Records
Produttore Brendan O'Brien
Registrazione 12 luglio 1995 – maggio 1996[1]
Pearl Jam - cronologia
Album precedente
(1994)
Album successivo
(1998)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 3.5/5 stelle[1]

No code è il quarto album del gruppo statunitense Pearl Jam, pubblicato il 27 agosto 1996.[1]

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Come nel precedente album Vitalogy, la confezione è in digipack. La copertina presenta un collage di immagini, polaroid scattate dal bassista Jeff Ament. La cover è ripiegata due volte e una volta aperta forma un quadrato all'interno del quale le foto danno forma all'immagine di un triangolo con all'interno un cerchio. All'interno della confezione si può trovare uno dei quattro set di cartoline che riproducono alcune delle polaroid presenti sulla cover, distribuiti casualmente nella tiratura dell'album.

Nell'album è presente una certa varietà di stili differenti rispetto al passato, si comincia con i bassi di Sometimes, per passare a brani come Hail, Hail, che ricordano vagamente il passato, all'armonica a bocca di Smile o al sitar elettrico di Who You Are. Come negli album precedenti sono presenti anche delle ballate, come Present Tense.

Senza più l'etichetta del defunto grunge inizia a intravedersi nel gruppo la voglia di sperimentare e di concentrarsi su stili diversi rispetto al passato. Forse anche per questo passaggio inevitabile per la band, l'album non ha avuto grande successo come i precedenti.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Testi di Eddie Vedder, eccetto Mankind di Stone Gossard.

  1. Sometimes – 2:40 (Eddie Vedder)
  2. Hail, Hail – 3:41 (Stone Gossard, Jeff Ament, Mike McCready)
  3. Who You Are – 3:50 (Stone Gossard, Jack Irons)
  4. In My Tree – 3:59 (Stone Gossard, Jack Irons, Eddie Vedder)
  5. Smile – 3:52 (Jeff Ament)
  6. Off He Goes – 6:02 (Eddie Vedder)
  7. Habit – 3:35 (Eddie Vedder)
  8. Red Mosquito – 4:03 (Jeff Ament, Stone Gossard, Jack Irons, Mike McCready, Eddie Vedder)
  9. Lukin – 1:02 (Eddie Vedder)
  10. Present Tense – 5:46 (Mike McCready)
  11. Mankind – 3:28 (Stone Gossard)
  12. I'm Open – 2:57 (Jack Irons, Eddie Vedder)
  13. Around the Bend – 4:35 (Eddie Vedder)

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f (EN) Stephen Thomas Erlewine, No Code in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 16 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Pearl Jam, No Code in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 16 novembre 2013.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock