Nikolaj Petrovič Šeremetev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nikolaj Petrovič Šeremetev

Conte Nikolaj Petrovič Šeremetev, in russo: Николай Петрович Шереметев? (9 luglio 1751Mosca, 14 gennaio 1809), è stato un nobile e politico russo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era il figlio minore di Pëtr Borisovič Šeremetev, e di sua moglie, Varvara Alekseevna Čerkasskaja, l'unica figlia del cancelliere dell'Impero russo, il principe Aleksej Michajlovič Čerkasskij. Venne educato a casa[1].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nel 1768 venne nominato Lord of the Bedchamber e l'anno successivo visitò l'Olanda (dove frequentò l'Università di Leida), l'Inghilterra, la Francia (dove studiò violoncello con il musicista parigino Ivar e incontrò il giovane compositore Wolfgang Amadeus Mozart), la Svizzera e la Germania, e al suo ritorno in Russia, riprese la sua posizione a corte, raggiungendo il grado di capo ciambellano nel 1798.

Dal 1777 è stato direttore della Banca di Mosca e divenne membro del senato.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 6 novembre 1801, l'attrice Praskov'ja Ivanovna Kovaleva. Ebbero un figlio:

Praskov'ja tre settimane dopo, il 23 febbraio 1803, morì. Dopo la morte della moglie, Nikolaj seguì le volontà della moglie, dedicandosi alle opere di carità. Donò una parte del capitale per aiutare gli artigiani e le vedove e iniziò la costruzione di ospizi a Mosca.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Morì il 14 gennaio 1809 a Mosca. Fu sepolto a San Pietroburgo nel Monastero di Aleksandr Nevskij.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine di Aleksandr Nevskij - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Aleksandr Nevskij
Cavaliere dell'Ordine di San Vladimiro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Vladimiro

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Documento noto come "Piano della formazione del giovane gentiluomo. Composto per il giovane conte Šeremetev unico figlio Sua Eccellenza il conte Šeremetev.