Nicla Vassallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicla Vassallo

Nicla Vassallo (Imperia, 6 novembre 1963) è una filosofa italiana.

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Laureatasi all'Università di Genova, nonché specializzatasi al King's College dell'Università di Londra, dove, sotto la guida di maestri quali David Papineau, Mark Sainbury, Anthony Savile tra gli altri, studia epistemologia, logica, metafisica. Dopo il dottorato di ricerca in Filosofia della scienza, lavora prima come research fellow e poi come ricercatore. Dal 2003 al 2008 è visiting professor nella Facoltà di Psicologia dell'Università Vita-Salute San Raffaele, in cui tiene il corso di epistemologia. Dal 2005 è professore ordinario presso il Dipartimento di Filosofia dell'Università di Genova dove insegna Filosofia teoretica e fa parte del corpo docente del dottorato di ricerca in Filosofia.

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Si è interessata a fondo dell'opera di Gottlob Frege, su cui ha scritto articoli e volumi, tra cui spicca La depsicologizzazione della logica. Un confronto tra Boole e Frege. L'interesse per Frege e per il significativo dibattito psicologismo/antipsicologismo generano l'interesse contemporaneo circa l'antitesi tra naturalismo/anti-naturalismo, su cui, oltre a numerosi saggi, la filosofa ha scritto volumi antesignani, basti ricordare La naturalizzazione dell'epistemologia e Teorie della conoscenza filosofico-naturalistiche. Anche da qui si accresce la sua spiccata passione per l'epistemologia, che la ha condotta a pubblicare, nell'ormai lontano 2003, Teoria della conoscenza, breve e denso volume in cui si trovavano concentrati, con originalità, i principali filoni di ricerca contemporanea internazionale del settore.

Epistemologia cui la filosofa rimane sempre legata, approfondendo temi importanti quali quello delle fonti conoscitive, della testimonianza, come nel volume Per sentito dire: conoscenza e testimonianza, con cui Nicla Vassallo si è aggiudicata il premio di filosofia Viaggio a Siracusa[1]. Epistemologia che l'ha condotta ad analizzare i concetti centrali delle epistemologie, e poi delle filosofie, femministe contemporanee, in volumi quali Filosofie delle donne, in stretta collaborazione con la statunitense Pieranna Garavaso.

Filosofa ben poco dogmatica, schiettamente agnostica e aperta alla discussione pubblica (non si contano i suoi interventi a favore dei diritti umani e civili, in dialoghi e collaborazioni significative, come quelle con Remo Bodei, Vittorio Lingiardi, Stefano Rodotà, Salvatore Veca, ha rivolto i suoi impegni più recenti ai temi degli amori non eterosessuali - basti in proposito ricordare il saggio Classificazioni sospette scritto con Vittorio Lingiardi e contenuto nell'edizione italiana del volume di Martha Nussbaum Dal disgusto all’umanità. L’orientamento sessuale di fronte alla legge (Il Saggiatore, 2011)[2], nonché il confronto diretto con la stessa Martha Nussbaum Su religioni e fobie, ma non solo: Martha Nussbaum in un colloquio con Nicla Vassallo (Materiali per una storia della cultura giuridica, 2013)[3].

Nicla Vassallo, nel suo primo e ultimo volume di poesie, Orlando in ordine sparso, svela il suo essere “nuda” o “sospesa”, omaggiando, in forma estrema, Virginia Woolf e, al contempo, mostrando che la poesia si differenzia dalla filosofia, sebbene uno stesso individuo possa sia poetare, sia filosofare, sempre però ricordando quando afferma Wittgenstein: “Su ciò, di cui non si può parlare, si deve tacere”.

Interessi scientifici[modifica | modifica wikitesto]

Come testimoniano i suoi numerosi volumi e saggi, opera principalmente nell'area della filosofia analitica, con interessi primari di ricerca che riguardano la teoria della conoscenza e si estendono alle filosofie femministe[4], i Gender Studies[5][6][7], la filosofia della scienza[8], la metafisica, il naturalismo filosofico, lo scetticismo. Al suo attivo ha più di cento articoli scientifici in italiano e in inglese[9], apparsi su riviste specialistiche, in volumi collettanei, in proceedings di conferenze e in enciclopedie, ha pubblicato sette libri in qualità di autrice, due in qualità di co-autrice, quattro in qualità di curatrice e otto in qualità di co-curatrice[9].

Attività professionali[modifica | modifica wikitesto]

Tra l'altro è membro dell'advisory board dell'"Assemblea del Teatro Stabile di Genova", dell'"European Journal of Analytic Philosophy"[10], dell'"Institute for Scientific Methodology"[11], della rivista di "L&PS: Logic and Philosophy of Science"[12], della rivista "Iride: Filosofia e discussione pubblica"[13], membro del board of directors della "Fondazione per la Cultura", membro dell'editorial board di "Gender" e di "Iris", fa parte del Consiglio scientifico del "Festival della Scienza"[14], del "Festival per l'Economia Interculturale", della Fondazione Nilde Iotti[15], dell'"Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna"[16], della "Rivista di estetica"[17], di "Scienza & Filosofia"[18].

Nicla Vassallo ha collaborato con Il fatto quotidiano - Saturno[19], collabora con L'Unità[20], scrive regolarmente sull'inserto Domenica de Il Sole 24 Ore, su Il Venerdì di Repubblica, su la 27ora del Corriere della Sera[21] e su alcune riviste.[22].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni volumi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni saggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64171968