Mauro Raccasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mauro Raccasi (Parma, 21 ottobre 1959) è uno scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano, autore di romanzi di narrativa.

In Italia è stato il primo a laurearsi in economia e commercio con una tesi sul giornalismo presso l'istituto IFOR dell'Università Bocconi di Milano. Dopo la laurea ha viaggiato spesso all'estero lavorando come manager. Nell'autunno del 2000 si è rotto la spina dorsale cadendo dalla moto, rischiando la vita e la paralisi. Nell'anno e mezzo di convalescenza, dovuta all'incidente, si concentra molto nello scrivere. Iniziando a lavorare al primo romanzo della saga Il romanzo dei Celti. Oltre ai romanzi sui Celti ha scritto anche libri illustrati e biografie autorizzate. I suoi autori preferiti sono Crichton, Cussler e Cornwell da cui si è ispirato al suo stile di scrittura delle tre A, cioè azione, amore e avventura. La sua ultima opera si intitola Codice Haggard, pubblicata a fine 2010 con Asengard Edizioni. Attualmente vive tra Parma e la Francia.

Il Romanzo dei Celti[modifica | modifica sorgente]

Raccasi ha esordito nella narrativa con una saga storica – la tetralogia Il Romanzo dei Celti - ambientata tra le isole britanniche e la Scandinavia. Questa si compone nell'ordine dei volumi: La spada del druido,[1] Il regno di Conan, Il guerriero di Stonehenge e I guerrieri dei fiordi. Conan 'lo Straniero', il re protagonista della saga, è chiamato a difendere un regno di pace costruito con fatica nel tempo. I temi sono quelli del viaggio, della rigenerazione, della prova iniziatica.[2] Il ciclo si sviluppa nell’Europa pre-romana dei clan tribali delle isole britanniche, intorno al 1600 a.C., tra druidi e antiche profezie tipici della cultura celtica.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Il ciclo del Romanzo dei Celti[modifica | modifica sorgente]

Libri illustrati e biografie[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il romanzo dei Celti-La spada del druido, rec. su Irlandia.it
  2. ^ autori in Ed. Piemme

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]