Mattia Biso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mattia Biso
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Fermana Fermana
Carriera
Giovanili

1994-1995
Sampdoria Sampdoria
Squadre di club1
1995-1996 Derthona Derthona 30 (2)
1996-1997 Sampdoria Sampdoria 0 (0)
1997 Carrarese Carrarese 5 (0)
1997-1998 Tempio Tempio 26 (1)
1998 Sampdoria Sampdoria 0 (0)
1998-1999 Lecco Lecco 19 (1)
1999-2000 Fidelis Andria Fidelis Andria 7 (0)
2000 Faenza Faenza 13 (0)
2000-2001 San Marino San Marino 13 (2)
2001-2002 Mestre Mestre 22 (2)
2002-2004 Teramo Teramo 61 (1)
2004-2006 Ascoli Ascoli 50 (3)
2006-2007 Catania Catania 29 (2)
2007-2008 Spezia Spezia 19 (0)
2008-2011 Frosinone Frosinone 48 (2)
2011-2012 Fidene Fidene 3 (0)
2012 Monza Monza 11 (0)
2013 Civitanovese Civitanovese 18 (7)
2013-2014 Ancona Ancona 18 (3)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1 novembre 2012

Mattia Biso (Milano, 6 maggio 1977) è un calciatore italiano, centrocampista della Fermana.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto nella Primavera della Sampdoria, passò in prestito al Derthona, con cui disputò 30 incontri realizzando 2 reti nel 1995-1996. Rientrato la stagione successiva nei ranghi blucerchiati dove, seppur fosse inserito nella rosa di prima squadra, non trovò mai spazio nella formazione diretta da Sven-Göran Eriksson.

Nell'agosto del 1997 venne ceduto alla Carrarese, e la sua esperienza in Toscana durò due mesi. Ad ottobre finì infatti al Tempio, in Serie C2, e collezionò 25 presenze ed un gol, prima di rientrare a Genova. Anche in questa circostanza, estate del 1998 con allenatore Luciano Spalletti, per lui non ci fu spazio e venne ceduto al Lecco, in Serie C1, da ottobre: 19 presenze ed un gol furono i risultati di fine stagione.

Nell'estate del 1999 lo acquistò la Fidelis Andria, ma anche l'avventura pugliese sotto la guida dell'allenatore Giorgini, durò solo pochi mesi. Nel febbraio successivo finì al Faenza, in Serie C2. In quattro mesi sommò 13 presenze, prima dell'ennesimo trasloco, al San Marino.

Nel gennaio del 2001 andò al Mestre, Serie C2, dove rimase fino al gennaio dell'anno successivo disputando in totale 22 gare e realizzando due reti (14 e 0, 8 e 2)

Passò dunque Teramo, dove rimase due anni, fino al gennaio 2004, collezionando 61 presenze ed una rete (15-0, 31-1, 15-0).

L'Ascoli si affidò a lui nel mercato invernale della stagione 2003-2004 per rimpiazzare Gaetano Fontana ceduto alla Fiorentina. Qui diventa protagonista nelle due stagioni di Serie B, collezionando 40 presenze e 2 reti (21-1, 19-2).

Quando finalmente raggiunge la massima divisione, in cui esordì il 6 dicembre 2005 in Ascoli-Fiorentina, ebbe il tempo di mettersi in mostra per pochi mesi in quanto, dopo le prime apparizioni da titolare, Marco Giampaolo, allenatore dei bianconeri, lo relegò in panchina.

Nel gennaio successivo venne ceduto al Catania in Serie B e diede un contributo alla squadra rossoazzurro per la scalata al secondo gradino della classifica cadetta, al termine della quale il Catania ritrovò il posto in Serie A dopo ventidue anni. Terminò la stagione con 14 presenze e 2 reti.

Pur essendo sotto contratto anche per la stagione 2007-2008, la sua seconda in Serie A, assieme al portiere Armando Pantanelli ed al difensore Gianluca Falsini, è stato protagonista di un caso di mobbing operato dalla società catanese, che li ha estromessi dalla rosa titolare per oltre 40 giorni.

Il 23 agosto 2007, il Collegio Arbitrale della Lega Calcio, con sentenza definitiva, ne ha imposto il reintegro nella rosa della prima squadra, ma il 31 agosto viene ceduto in prestito allo Spezia.

Nel gennaio del 2008 è stato acquistato dal Frosinone Calcio, club di Serie B.

Ad ottobre è stato tesserato dal Fidene, squadra dell'omonima borgata alle porte di Roma, che milita nel Campionato di Serie D.

L'11 gennaio 2012 firma un contratto con il Monza, in Lega Pro - Prima Divisione. Il 31 ottobre dello stesso anno si accasa alla Civitanovese club marchigiano di serie D. Nell'ultima stagione ha giocato ad Ancona, in Serie D, dove ha ottenuto la promozione in Lega Pro vincendo il girone F.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]