Maria di Nassau (1556-1616)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principato d'Orange
Casa d'Orange-Nassau

Blason Nassau-Orange (Cadets).svg

Guglielmo I (1544-1584)
Figli
Filippo Guglielmo (1584-1618)
Maurizio (1618-1625)
Federico Enrico (1625-1647)
Figli
Guglielmo II (1647-1650)
Figli
Guglielmo III (1650-1702)
Giovanni Guglielmo (1702-1711)
Figli
Guglielmo IV (1711-1751)
Guglielmo V (1751-1806)
Maria di Nassau

Maria di Nassau (Breda, 7 febbraio 1556Buren, 10 ottobre 1616) fu una principessa di Orange e contessa consorte di Hohenlohe.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlia del principe Guglielmo I d'Orange e della prima moglie Anna di Egmond.

All'inizio della Guerra degli ottant'anni, Filippo Guglielmo fu catturato e portato in Spagna dove venne allevato come un cattolico. Maria, rimasta in patria, difese strenuamente i diritti di suo fratello al titolo di principe di Orange, alla baronia e sulla città di Breda contro quelli del loro fratellastro Maurizio di Nassau, figlio di Anna di Sassonia, seconda moglie di Guglielmo I.

Fu desiderio di Maria sposare Filippo di Hohenlohe-Neuenstein, che aveva conosciuto all'età di undici anni. Questo suo proposito incontrò dapprima la disapprovazione paterna (Guglielmo I dette il suo consenso poco prima di morire), poi quella di suo fratello Filipo Guglielmo, succeduto al padre nel 1584.

Le venne suggerito di sposare il figlio del duca di Aerschot Filippo de Croÿ ma ella rifiutò per motivi religiosi: lei era calvinista e lui cattolico.

Il 2 febbraio 1595 Maria riuscì a sposare a Buren Filippo che morì nel 1606 e da cui non ebbe figli[1].

Fondò un grande orfanotrofio a Buren nel 1612.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nassau 8

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]