Amalia di Nassau-Dietz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principato d'Orange
Casa d'Orange-Nassau

Blason Nassau-Orange (Cadets).svg

Guglielmo I (1544-1584)
Filippo Guglielmo (1584-1618)
Maurizio (1618-1625)
Federico Enrico (1625-1647)
Guglielmo II (1647-1650)
Guglielmo III (1650-1702)
Giovanni Guglielmo (1702-1711)
Guglielmo IV (1711-1751)
Guglielmo V (1751-1806)
Anna Carlotta Amelia di Nassau-Dietz-Orange.

Anna Carlotta Amalia di Nassau-Dietz-Orange (Leeuwarden, 2 ottobre 1710Durlach, 17 novembre 1777) fu la moglie del principe ereditario Federico di Baden-Durlach e madre del primo granduca di Baden, Carlo Federico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlia di Giovanni Guglielmo Friso d'Orange, governatore della provincia olandese di Frisia, e di Maria Luisa d'Assia-Kassel. Il matrimonio con Federico ebbe luogo nel corso del 1727.

A causa del suo carattere bizzoso, molti membri della corte di Durlach affermavano che fosse pazza.[senza fonte] Infatti, durante le gravidanze tiranneggiava i suoi domestici. Come ulteriore indizio della sua presunta malattia mentale, si fece leva sul fatto che, alla vista del cadavere di suo marito (Federico si spense il 26 marzo 1732), non avesse versato alcuna lacrima. Tale comportamento fece ritenere a molti che ella non fosse mentalmente sana.

Suo suocero Carlo III Guglielmo di Baden-Durlach non volle che la madre potesse influire sul figlio Carlo Federico, divenuto nuovo principe ereditario, ed anche se madre e figlio vivevano ancora a Karlsburg di Durlach, Anna Carlotta Amalia si trasferì in un altro appartamento della reggia di Karlsburg, riparata dal mondo esterno. I suoi due figli, Carlo Federico e Guglielmo Luigi, vennero educati dalla suocera, Maddalena Guglielmina di Württemberg.

Figli[modifica | modifica sorgente]

  • Carlo Federico (22 novembre 1728 - 10 giugno 1811), margravio, elettore e granduca di Baden;
  • Guglielmo Luigi (14 gennaio 1732 - 17 dicembre 1788), principe di Baden.
Anna Carlotta Amelia, ritratta insieme alla madre ed al fratello Gugliemo, c. 1725

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 221186066