Emilia di Nassau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principato d'Orange
Casa d'Orange-Nassau

Blason Nassau-Orange (Cadets).svg

Guglielmo I (1544-1584)
Figli
Filippo Guglielmo (1584-1618)
Maurizio (1618-1625)
Federico Enrico (1625-1647)
Figli
Guglielmo II (1647-1650)
Figli
Guglielmo III (1650-1702)
Giovanni Guglielmo (1702-1711)
Figli
Guglielmo IV (1711-1751)
Guglielmo V (1751-1806)
Emilia di Nassau

Emilia di Nassau (Colonia, 10 aprile 1569Ginevra, 16 marzo 1629) fu una principessa di Orange e infanta di Portogallo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Guglielmo I d'Orange e della seconda moglie Anna di Sassonia.

A causa della malattia mentale della madre, Emilia e i fratelli vennero tenuti lontani da lei e vennero allevati dallo zio Giovanni VI di Nassau-Dillenburg a Dillenburg.

Dopo la morte del padre, visse alla corte del fratello Maurizio di Nassau dove ebbe modo di conoscere Emanuele del Portogallo, figlio del pretendente al trono Antonio.

Emilia ed Emanuele si sposarono segretamente nel 1597. Maurizio si oppose formalmente al matrimonio, perché Emanuele era cattolico, e bandì per dieci anni dalla corte la sorella.

Marito e moglie si separarono di fatto quando Emanuele decise di andare a vivere a Bruxelles presso la corte di Isabella Clara Eugenia d'Asburgo, nemica della Casa d'Orange. Emilia invece andò a vivere a Ginevra con i figli, dove morì tre anni dopo.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

La coppia ebbe dieci figli[1]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Capet 56

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J. L. J. van Kamp: Nog een tak afstammelingen van Willem de Zwijger. In: De nederlandsche Leeuw. Heft LXXIV, 1957.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]