Marco Zoppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Particolare del retablo di Marco Zoppo al Collegio di Spagna, Bologna.
Firma di Marco Zoppo al retablo del Collegio di Spagna, Bologna.
Madonna col Bambino e santi, Staatliche Museen, Berlino

Marco Zoppo (Cento, 1433Venezia, 1478) è stato un pittore italiano.

La carriera d'artista[modifica | modifica sorgente]

Il documento più antico in cui è citato Marco Ruggeri detto lo Zoppo risale al 1452, quando il giovane pittore, residente nella nativa Cento, è impegnato nella doratura di una statua della Vergine col Bambino. L'anno successivo lo Zoppo è attestato a Padova, presso la bottega del sartor e recamator Francesco Squarcione, del quale diventa ben presto figlio adottivo.

In questi anni patavini, Zoppo risulta fortemente influenzato dall'arte di Donatello, che in città aveva da poco realizzato l'imponente altare bronzeo della basilica del Santo, e dalla coeva produzione di Nicolò Pizolo e Andrea Mantegna, entrambi impiegati nella decorazione della cappella eremitana della famiglia Ovetari. A testimonianza di queste sue specifiche predilezioni, restano alcune opere fortemente influenzate dall'espressionismo plastico dello scultore toscano e dalle soluzioni scenografico-prospettiche messe a punto dai due pittori padovani all'interno del cantiere Ovetari. Tra queste la Madonna Wimborne, oggi conservata al Louvre e il foglio Colville del British Museum.

Nel settembre del 1455 lo Zoppo non risulta più a Padova, bensì a Venezia dove si reca per citare in giudizio il padre adottivo Squarcione, con cui rompe, in breve, ogni rapporto umano e giuridico.

Sembra possibile che Zoppo tornasse poco dopo a Bologna, forse già intorno al 1456, città in cui eseguì molti e importanti lavori, tra cui un retablo per la chiesa di San Clemente nel Collegio di Spagna. Di questo periodo è anche l'esecuzione dell'unica opera scultorea giunta a noi, riconosciuta recentemente dal ricercatore cesenate Alex Cavallucci, un Crocifisso in essenza di bosso privo degli arti superiori, di straordinaria manifattura ribattezzato "Il Crocifisso di Cesena", dove sono visibili le influenze che lo Zoppo subii nelle sue varie frequentazioni e spostamenti tra le città di Bologna, Padova e Venezia.

Un dipinto molto ambiguo e contestato è la Testa del Battista di Pesaro, legata al nome di Marco Zoppo a seguito dell'attribuzione di Adolfo Venturi, ma anche a quello di Giovanni Bellini, proposto da Roberto Longhi in Officina Ferrarese. La tesi longhiana è stata negata dal Berenson nel 1932, da Cesare Brandi nel 1949 e dal Robertson nel 1960. Nel 1962 lo Heinemann è tornato a fare il nome dello Zoppo mentre il critico d'arte Daniele Radini Tedeschi, grazie al metodo fisiognomico ha ribadito l'attribuzione al Giambellino.

Influenze artistiche[modifica | modifica sorgente]

In un primo periodo artistico il pittore fu influenzato, tramite Squarcione, dalle opere di Donatello, a cui attinse anche il Mantegna, come si può apprezzare dai tratti marcati e decisi, quasi come fossero sculture, delle sue prime prove pittoriche. Al pari di altri "squarcioneschi", il suo stile era caratterizzato da contorni aspri e spezzati, colori intensi che fanno somigliare anche gli incarnati e i tessuti a pietre e smalti, l'uso di elementi antichi per decorazioni dal sapore erudito e l'applicazione di una prospettiva più intuitiva che scientifica. Diverso da Mantegna è poi l'esasperazione fantastica delle composizioni, con numerosi elementi decorativi, tra cui spiccano le ricche ghirlande di fiori e frutta.

In seguito Zoppo fu anche influenzato dal linguaggio pierfrancescano, appreso tra Ferrara e Bologna, città in cui il grande pittore toscano aveva eseguito alcune opere.

In un successivo momento, però, la pittura dello Zoppo sembra subire un'ulteriore evoluzione dovuta alla conoscenza della pittura di Bellini e Antonello da Messina: le opere sono infatti caratterizzate da un uso del colore e della luce più sapiente e fluido.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano 1999. ISBN 88-451-7212-0

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Opere di Marco Zoppo alla National Gallery