Maial Zombie - Anche i morti lo fanno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maial Zombie - Anche i morti lo fanno
Titolo originale Die Nacht der lebenden Loser
Paese di produzione Germania
Anno 2004
Durata 89 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Mathias Dinter
Soggetto Matthias Dinter
Produttore Mischa Hofmann
Casa di produzione Atlas International, Constantin Film
Distribuzione (Italia) Mediafilm
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Maial Zombie - Anche i morti lo fanno (Die Nacht der lebenden Loser) è una commedia horror del 2004 di Mathias Dinter. Rientra nel genere commedia zombie e il titolo originale, traducibile letteralmente come La notte dei perdenti viventi, è un chiaro riferimento al genere parodiato.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Philip, Konrad e Wurst sono tre tipici liceali sfigati che non sono rispettati da nessuno. Una notte vengono involontariamente coinvolti in un rituale necromantico di Rebecca, la migliore amica di Philip, e si trasformano in zombie in seguito ad un incidente mortale. Dopo l'iniziale spavento, però, scoprono che essere non-morti ha molti lati positivi: forza sovrumana, resistenza illimitata, invulnerabilità alle malattie.

Grazie alle loro nuove capacità, i tre guadagnano presto il rispetto dei loro compagni di scuola, ma Konrad, desideroso di prendersi una lunga serie di vendette, si spinge più in là del dovuto, arrivando a divorare il loro sadico insegnante di ginnastica. I ragazzi scoprono anche i lati negativi della loro nuova condizione (prima fra tutti la decomposizione e il bisogno di carne umana) e cercano un modo per tornare umani. Quella sera, Konrad viene rinchiuso nello scantinato della casa di Philip mentre i suoi due amici danno un party (all'insaputa dei genitori di Philip). Ma Wolff, il ragazzo più popolare della scuola e principale aguzzino del trio, penetra nella casa e nasconde della droga, per poi avvisare Roberta. Sul più bello della festa, accadono tre fatti imprevisti: Wurst riesce finalmente a conquistare la disinibita professoressa per la quale stravede, Philip fa una pessima figura con Uschi, la bella bionda del liceo, e irrompe la polizia. Ma, a sorpresa, nello scantinato non si trova né la droga né Konrad: il ragazzo ha mangiato tutte le anfetamine in un attacco di fame, si è liberato e si è lanciato in una moonwalk in mezzo agli altri ospiti. La polizia se ne va, e con essa gli ospiti, ma Konrad, desideroso di vendicarsi delle angherie subite da Wolff, lo morde, infettando anche lui, per poi fuggire. Philip e Wurst nascondono Wolff nel freezer.

Il giorno seguente, Rebecca, Philip e Wurst preparano un filtro in grado di annullare gli effetti del rituale. Dopo averlo assunto, i due ragazzi si mettono alla ricerca di Konrad, per trovarlo all'ospedale (condotto lì dai genitori di Philip che lo avevano investito mentre tornavano a casa dalle vacanze). Dopo un lungo inseguimento, i quattro si ritrovano nell'obitorio. Konrad, stanco di essere sempre maltrattato e deriso, in un impeto di rabbia colpisce Philip con un coltello. Rendendosi conto di ciò che ha fatto, decide di ritrasformare Philip in uno zombie grazie al suo sangue e accetta di prendere il filtro.

Nel finale i tre ragazzi vedono avverarsi i loro sogni: Wurst è felice assieme alla sua professoressa, Konrad ha consumato tutte le sue vendette (compresa quella contro Wolff, che è ancora chiuso nel congelatore a casa di Wurst), e Philip si è fidanzato con Rebecca.

Il film finisce con Konrad e Wurst che giocano a Tekken 4 e prendono da bere nel frigorifero dove c'è ancora il corpo di Wolff ormai ibernato.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Philip (Tino Mewes): Il protagonista del film, sfigato e umiliato dai suoi severissimi genitori. Infatuato della bella e bionda Uschi, riesce a conquistarla dopo essere diventato uno zombie, ma dopo averla persa capisce di amare la sua amica Rebecca. È il componente più equilibrato del gruppo, che cerca di risolvere il problema degli zombie e di tenere a bada gli istinti dei suoi amici.
  • Konrad (Thomas Schmieder): Il "secchione" del gruppo. Incredibilmente sospettoso e vendicativo, segna tutte le umiliazioni che ha subito su un'agenda per potersi vendicare. Approfitta dei poteri da non-morto per mettere in atto le sue vendette con particolare crudeltà.
  • Wurst (Manuel Cortez): Il drogato del gruppo, si sposta su una Volkswagen polacca non immatricolata, sulla quale si troverà con i suoi amici al momento dell'incidente. Approfitta dei nuovi poteri per vincere delle gare di bevute e per assumere un'infinita quantità di sostanze stupefacenti. Infatuato della sua disinibita insegnante, scopre che anche lei ha i suoi stessi vizi.
  • Rebecca: La migliore amica di Philip da sempre e segretamente innamorata di lui. Partecipa al rituale che trasforma in zombie i tre ragazzi e scopre la formula per annullarne gli effetti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema