Lynch Mob

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lynch Mob
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Heavy metal[1]
Hair metal[2][3][4]
Pop metal[1][2]
Hard rock[1]
Periodo di attività 1990- 1992
1997 -in attività
Etichetta Elektra Records
Sacred Groove Records
Orchard Records
Cleopatra Records
Album pubblicati 8
Studio 5
Live 2
Raccolte 1
Gruppi e artisti correlati Dokken
George Lynch
Warrant
Big Cock
Sito web

I Lynch Mob sono un gruppo heavy metal statunitense, fondato dal chitarrista George Lynch dopo l'uscita dai Dokken nel 1989.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ex chitarrista dei Dokken George Lynch, citato come uno dei più dotati chitarristi della scena heavy metal di Los Angeles, decise di formare i Lynch Mob nel 1990 a seguito dello scioglimento dei Dokken l'anno precedente. La prima formazione era composta da Lynch, il cantante Oni Logan (attivo fino a quel momento nella band Cold Sweat fondata dall'ex chitarrista dei Keel Marc Ferrari) ed il bassista Anthony Esposito. A questi si aggiunse il batterista Mick Brown già compagno di Lynch nei Dokken. Il debut album, Wicked Sensation venne pubblicato nell'ottobre 1990, e venne co-prodotto da Neil Kernon e Max Norman. Il disco riuscì a vendere qualcosa come mezzo milione di copie. Dopo il tour di supporto al fianco dei Queensrÿche in Europa, Logan abbandonò il progetto per raggiungere l'ex-chitarrista dei Dio Rowan Robertson ed il batterista dei Triangle Jimmy Paxson in un progetto chiamato Freedom, poi cambiato in Violet's Demise. Altre voci parlano invece di un allontanamento voluto dal gruppo perché le caratteristiche del cantante si prestavano bene al lavoro in studio ma non erano all'altezza dal vivo. I Lynch Mob arruolarono così l'ex cantante dei Magnum (quelli americani) Robert Mason. Tuttavia, data l'inesperienza del cantante, Lynch decise di registrare le prime sessioni con l'ex-cantante dei Deep Purple e Black Sabbath Glenn Hughes. Una volta che Hughes svolse questo ruolo, Mason divenne membro della band a tempo pieno. Il secondo disco Lynch Mob edito nel 1992, mostrava una cambiamento di stile più orientato sul rock & roll ed includeva la reinterpretazione dei Queen "Tie Your Mother Down". Poco dopo l'uscita del disco, i Lynch Mob si sciolsero a causa delle scarse vendite. Brown tornò a collaborare con Don Dokken, mentre Lynch registrò il suo debutto solista Sacred Groove e, successivamente, raggiungerà nuovamente i Dokken nel 1994 in occasione della riunione pubblicando con la band gli album Dysfunctional e Shadowlife.

Mason raggiunse la band Silent Witness in New Jersey, che pubblicò il debut nel 1997. Alcuni sospettarono che il disco venne registrato prima che Mason raggiungesse i Lynch Mob. Più tardi militerà nella band Cry of Love.

Reunion[modifica | modifica wikitesto]

Lynch abbandonò nuovamente i Dokken a seguito di un tour americano nell'ottobre del 1997 e decise di riformare i Lynch Mob. Inizialmente la band incise un EP di tre vecchie tracce intitolato Syzygy. I riformati Lynch Mob vedevano nuovamente Oni Logan alla voce, ma questo presto abbandonò. Nel tardo 1998 la band arruolò l'ex-frontman degli Oil Kirk Harper, il batterista Clancy McCarthy ed il bassista Gabe Rozales. Robert Mason tornò brevemente nella band prima di abbandonare per tensioni interne. Con questa formazione viene registrato nel 1999 l'album Smoke This, un interessante esperimento di fusione fra heavy metal, grunge e rap. Durante il tour venne reclutato il cantante John West (ex-Badlands e futuro Royal Hunt). Logan si dedicò alla band Head Set ma tornerà per un periodo nel 2000 in occasione di qualche show in dicembre. La nuova formazione comprendeva anche l'ex-batterista dei King Kobra e BulletBoys Jimmy D'Anda e l'ex bassista di Quiet Riot, Rough Cutt e Great White Sean McNabb. D'Anda interruppe l'attività con la band quando si ruppe un braccio in Florida. A sostituirlo fu Tim Russell.

Durante il tardo 2001, Lynch annuncia l'inizio di un nuovo progetto assieme al bassista dei Dokken Jeff Pilson. Dopo aver richiesto consigli sulla scelta nel nome da parte dei fans, la band scelse di intitolare il progetto "L-P". L'album in questione verrà intitolato Wicked Underground e nel progetto verrà coinvolto anche il batterista Michael Frowein. L'ex-batterista Jimmy D'Anda tornerà sulle scene assieme all'ex Motley Crue e Ratt John Corabi ed al bassista Stevo Bruno in una nuova band chiamata Zen Lunatic. Nel 2003 George Lynch riforma i Lynch Mob confermando Frowein e richiamando i vecchi compagni Mason ed Esposito: con loro viene pubblicato l'album REvolution, una raccolta di brani del periodo Dokken e dei primi due album dei Lynch Mob ma ri-registrati in chiave moderna seguendo il cammino intrapreso dall'album registrato in coppia con Pilson. Il tour registra date importanti come quella del 12 marzo ad Hollywood (da cui verrà tratto il materiale per l'album REvolution Live) ma finisce drasticamente ad agosto quando Robert Mason rimane coinvolto in un incidente motociclistico. Il singer presentava ustioni di secondo grado su buona parte del corpo. La band annunciò alcune date in novembre e dicembre al fianco degli M.S.G. ma a quel punto George Lynch sciolse nuovamente la band per dedicarsi ad altri progetti solisti come l'album Furious George del 2004 e la raccolta The Lost Anthology del 2005 dove compaiono gli ultimi inediti a nome Lynch Mob.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

In Studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1990 - Wicked Sensation (edit) / Wicked Sensation (album version)
  • 1990 - No Bed of Roses (edit) / No Bed of Roses (album version)
  • 1992 - Tangled in the Web (edit) / Tangled in the Web (album version)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Allmusic.com - Lynch Mob
  2. ^ a b Greatest hair/pop metal bands - Lynch Mob
  3. ^ Lista gruppi hair/glam metal - Lynch Mob
  4. ^ Rateyourmusic.com - Cats in Boots

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal