Lucio Mummio Acaico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Mummio Acaico
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Lucius Mummius Achaicus
Gens Mummia
Consolato 146 a.C.

Lucio Mummio Acaico (... – ...) è stato un politico e militare romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu console nel 146 a.C., anno in cui rilevò l'esercito romano dalla guida del pretore Quinto Cecilio Metello, vincitore di Andrisco, e concluse la guerra acaia.

Il conflitto contro la Lega achea fu brevissimo e la sua principale città, Corinto, venne saccheggiata e rasa al suolo dalle truppe di Lucio Mummio. Per tale vittoria ebbe l'agnomen di Acaico, primo fra gli uomini nuovi, e gli fu tributato un trionfo[1].

La grande ammirazione per le opere greche della città istmica fu vasta a Roma, ma la comprensione del valore artistico e storico di tali opere dovette rimanere appannaggio raro di alcuni aristocratici. Lo stesso Mummio, infatti, si stupì così tanto dell'alta offerta di Attalo II di Pergamo a un'opera di Aristeides messa all'asta dopo il saccheggio di Corinto (un Dioniso del fondatore della scuola tebano-attica degli inizi del IV secolo a.C.), da ritirarla dalla vendita sospettando virtù nascoste nel dipinto[2]. Al posto dei 600.000 denari offerti per l'opera di un caposcuola, si decise di collocare, più che altro per superstizione, il dipinto nel tempio di Cerere a Roma e fu così che Roma ebbe la prima opera d'arte di pittura straniera in un luogo pubblico.

Fu censore nel 142 a.C. insieme a Scipione Emiliano Africano, con cui ebbe diversi contrasti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Velleio Patercolo, Historiae romanae ad M. Vinicium libri duo,Lib.I,13.
  2. ^ Plinio il Vecchio, Naturalis Historia XXXV, 24.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Publio Cornelio Scipione Emiliano I
e
Gaio Livio Druso
(146 a.C.)
con Gneo Cornelio Lentulo
Quinto Fabio Massimo Emiliano
e
Lucio Ostilio Mancino