Quinto Fabio Massimo Emiliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quinto Fabio Massimo Emiliano
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Quintus Fabius Maximus Aemilianus
Figli Quinto Fabio Massimo Allobrogico
Gens Fabia
Consolato 145 a.C.

Quinto Fabio Massimo Emiliano[1] (in latino: Quintus Fabius Maximus Aemilianus) (... – ...) Console nel 145 a.C..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Lucio Emilio Paolo Macedonico e Papiria Masone (e quindi fratello di Scipione Emiliano), fu adottato dai Fabii. Fu il padre di Quinto Fabio Massimo Allobrogico. Servì sotto il padre carnale nella Terza guerra macedonica e fu da lui mandato a Roma ad annunciare la vittoria romana di Pidna. Pretore in Sicilia nel 149 a.C., fu console nel 145. Fu poi proconsole in Spagna, dove sconfisse Viriato nel corso della Guerra lusitana, senza però riuscire a catturarlo.

Note[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Gneo Cornelio Lentulo
e
Gneo Lucio Mummio
145 a.C.
con Lucio Ostilio Mancino
Servio Sulpicio Galba
e
Lucio Aurelio Cotta