Gens Aemilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La gens Aemilia, originariamente scritto Aimilia, è stata una delle più antiche case patrizie di Roma. La famiglia si dice abbia avuto origine nel regno di Numa Pompilio, il secondo re di Roma; i suoi membri occuparono per secoli le più alte cariche dello Stato, dai primi decenni della Repubblica sino all'epoca imperiale. Gli Aemilii erano probabilmente una delle gentes majores, le più importanti famiglie patrizie. Il loro nome è stato associato a due strade principali (la via Aemilia e la via Aemilia Scauri), a una regione amministrativa dell'Italia romana, e alla Basilica Aemilia a Roma. Molto probabilmente gli Aemilii sono inclusi nelle cento gentes originarie ricordate dallo storico Tito Livio.

Origine e territorio[modifica | modifica sorgente]

Secondo l’illustre studioso Theodor Mommsen l'antichità di questa famiglia si deduce anche dal fatto che essa diede il nome ad una delle antiche tribù rustiche, l’omonima Tribù Emilia, che nel Lazio comprendeva Formia e Fondi, ed includeva anche Sessa Aurunca, la colonia di Copia Thuri, quella di Vibo Valentia[1] e inoltre i centri di Mevania nel Bruzio[2] e di Trebbia nell'Umbria.

L’origine della gens Emilia era probabilmente sabina, in quanto sembra riconducibile ad un capostipite di nome Mamerco, detto Emilio (da aemilius, cioè "affabile") per il suo temperamento gentile, che secondo alcuni sarebbe stato figlio di Numa Pompilio, dal quale avrebbe appreso gli insegnamenti pitagorici. Secondo altri questo Emilio sarebbe invece figlio di Pitagora, del quale fu seguace Numa Pompilio, che forse per tale ragione lo avrebbe preso sotto la sua protezione, o adottato.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La gens Aemilia si divise successivamente in vari rami, tra cui i Mamercini, i Paoli, i Lepidi, gli Scauri. Gli Aemilii ebbero un ruolo di primo piano nella prima età repubblicana e furono una delle famiglie più presenti nelle massime magistrature: basti pensare che i suoi membri ricoprirono il consolato per ben 55 volte.

In seguito gli Aemilii subirono l'ascesa inarrestabile degli Scipioni, con i quali peraltro stabilirono un legame matrimoniale: infatti Scipione Africano Maggiore sposò la figlia di Lucio Emilio Paolo, il console caduto a Canne nel 216 a.C.

In età imperiale gli Aemilii restarono molto influenti, ma con la fine della dinastia Giulio-Claudia cessarono di ricoprire cariche pubbliche.

Membri illustri della gens[modifica | modifica sorgente]

Le seguenti liste prosopografiche fanno uso di due serie di abbreviazioni: praenomina e filiazione[3]. Le lettere minuscole f. e n. stanno rispettivamente per Filius ( "figlio") o Filia ("figlia") e Nepote ("nipote").

Per esempio: Lucio Emilio Q. f . Cn . n . Papus

ampliato: Lucio Emilio Quinti filius Gnaei Nepote Papus

che significa: " Lucio Emilio Papus, figlio di Quinto, nipote di Gneo"

Aemilii Mamerci[modifica | modifica sorgente]

Aemilii Papi[modifica | modifica sorgente]

Aemilii Barbulae[modifica | modifica sorgente]

Aemilii Paulli[modifica | modifica sorgente]

Aemilii Lepidi[modifica | modifica sorgente]

  • Manio Emilio Q. f . Lepido , console nel 11 d.C.
  • Aemilia Q. f . Lepida , moglie di Publio Sulpicio Quirino , accusato di vari crimini e condannato nel 20 d.C.
  • Marco Emilio L. f . Paulli n . Lepido , messo a morte da Gaio Giulio Cesare Augusto, 39 d.C.
  • Aemilia L. f . Paulli n . Lepida , la prima moglie di Tiberio Claudio Druso.
  • Aemilia M. f . Paulli n . Lepida (m. 36 d.C. ) , moglie di Druso Giulio Cesare.

Aemilii Regilli[modifica | modifica sorgente]

  • Marco Emilio Regillo (morto nel 205 a.C. ) , Quirinalis Flamen e candidato infruttuoso per il consolato nel 214 a.C.
  • Lucio Emilio ( M. f . ) Regillo, pretore nel 190 a.C. , durante la guerra contro Antioco III.
  • Marco Emilio ( M. f . ) Regillo († 190 a.C. ) , fratello di Lucio Emilio Regillo , è morto nel corso della guerra contro Antioco.

Aemilii Scauri[modifica | modifica sorgente]

Aemilii Bucae[modifica | modifica sorgente]

  • Lucio Emilio Buca , questore al tempo di Lucio Cornelio Silla.
  • Lucio Emilio L. f . Buca (fl. 54 a.C. ) , triumviro della zecca .

Altri[modifica | modifica sorgente]

  • Aemilia , una virgo Vestalis , che miracolosamente ha riacceso la fiamma sacra con un pezzo della sua veste.
  • Aemilia , una virgo Vestalis , messa a morte per incesto nel 114 a.C.
  • Caeso Emilio K. f . , Un ingegnere militare di data incerta .
  • Marco Emilio Avianus , amico di Cicerone, e il patrono di Avianus Evander e Avianus Hammonius.
  • Emilio Macro ( m. 16 a.C.) , un poeta che ha scritto gli argomenti degli uccelli , serpenti e piante medicinali.
  • Emilio Macro di Verona (att. 12 d.C. ) , un poeta che ha scritto su di soggetto omerico.
  • Emilio Macro ( 3 ° secolo ) , un giurista che visse al tempo di Marco Aurelio Severo Alessandro.
  • Emilio Sura , annalista , probabilmente un contemporaneo di Marco Velleio Patercolo.
  • Emilio Rufo , prefetto della cavalleria sotto Gneo Domizio Corbulone in Armenia.
  • Emilio Pacensis , tribuno della coorte della città per la morte di Nerone nel 69 d.C. ; perirono combattendo contro Aulo Vitellio.
  • Emilio Asper ( 2 ° secolo ) , grammatico e commentatore di Publio Terenzio Afro e Publio Virgilio Marone.
  • Emilio Asper Minore ( 2 ° secolo ) , grammatico e autore di Ars grammatica.
  • Emilio Papiniano ( 141-212 ) , giurista.
  • Marco Emilio Emiliano ( c. 206-253 ) , governatore della Pannonia e Mesia, proclamato imperatore nel 253 , ma ucciso dai suoi soldati.
  • Emilio Magno Arborio ( 4 ° secolo ) , poeta e amico dei fratelli di Costantino.
  • Emilio Parthenianus , storico , ha dato un resoconto dei vari soggetti che aspiravano alla tirannia.
  • Emilio Probo (fine 4 ° secolo ) , grammatico , erroneamente ritenuto l'autore del Excellentium Imperatorum Vitae di Cornelio Nepote.
  • Blossio Emilio Draconzio (fine 5 ° secolo ) , poeta cristiano .

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CIL X, 53.
  2. ^ AE 1987, 346; CIL XI, 5084; CIL XI, 5144; CIL XI, 7941.
  3. ^ Una lista di abbreviazioni standard per i cognomi romani appare nella voce sul praenomen.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma