Lucía y el sexo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucía y el sexo
Lucia-Vega.png
Paz Vega in una scena del film
Titolo originale Lucía y el sexo
Paese di produzione Spagna, Francia
Anno 2001
Durata 128 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, erotico
Regia Julio Medem
Sceneggiatura Julio Medem
Produttore Fernando Bovaira e Enrique Lopez Lavigne
Montaggio Ivan Aledo
Costumi Estibaliz Markiegui
Trucco Gregorio Ross
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Lucía y el sexo è un film del 2001, scritto e diretto da Julio Medem. È il film che ha lanciato la carriera della sua protagonista, Paz Vega, dandole grande notorietà sia in patria che all'estero; infatti l'attrice ha vinto diversi premi in Spagna, tra cui quello per la Mejor actriz revelación (miglior attrice rivelazione) al Premio Goya.

La pellicola, girata in digitale, si distingue per via di una trama particolare, temporalmente non lineare e con diverse scene oniriche e surreali che rimandano ai precedenti lavori di David Lynch[1][2].

Distribuito in Italia dalla Fandango, il film è arrivato a noi senza essere censurato, ma ottenendo il divieto di visione ai minori di 18 anni, a causa di diverse scene di sesso esplicito[3]. Nei passaggi televisivi è stato però alleggerito delle parti più spinte[4].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Lucia è una giovane cameriera che lavora in un ristorante di Madrid. Subito dopo aver ricevuto la notizia di un incidente stradale in cui è coinvolto Lorenzo, scrittore e suo fidanzato, si reca su un'isola del Mediterraneo. Qui la ragazza, dopo essersi stabilita in una pensioncina ed aver fatto conoscenza con la proprietaria, comincia a riflettere sui momenti passati della sua relazione con Lorenzo, ripercorrendo i punti salienti del loro rapporto, a partire dal giorno in cui si sono conosciuti. Ma sull'isola ci saranno delle novità importanti ad attendere Lucia, eventi strettamente legati a lei ed al suo fidanzato.

Critica[modifica | modifica sorgente]

  • Non basta qualche lampo turgido, magari anche sorprendente, per rinvigorire un soufflé sì bollente, ma nato già sgonfio[5].
  • È un melodramma erotico-esistenziale (...) illuminato dalla presenza di Paz Vega (...) che lo rende qua e là affascinante. Commento del dizionario Morandini che assegna al film due stelle su cinque di giudizio[3].
  • Rotten Tomatoes assegna al film un punteggio di 6,5/10[6].

Riconoscimenti[7][modifica | modifica sorgente]

  • Premio Goya: nomination per:
    • Mejor Actor Principal (miglior attore protagonista) per Tristán Ulloa,
    • Mejor Fotografía (miglior fotografia) per Kiko de la Rica,
    • Mejor Director (miglior regia) per Julio Medem,
    • Mejor Montaje (miglior montaggio) per Iván Aledo
    • Mejor Película (miglior film),
    • Mejor Guión Original (miglior sceneggiatura originale),
    • Mejor Sonido (miglior suono),
    • Mejor Actriz de Reparto (miglior attrice non protagonista) per Elena Anaya e Najwa Nimri.
  • Premio per:
    • Mejor Actriz Revelación (miglior attrice rivelaizone) (Paz Vega),
    • Mejor Música Original (miglior musica originale) (Alberto Iglesias).

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nelle scene più spinte, gli attori sono stati sostituiti da controfigure; quella di Paz Vega è Diana Suárez che nel film interpreta il ruolo della madre di Belén.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lucía y el sexo
  2. ^ Sex and Lucia
  3. ^ a b Commento de Il Morandini su Mymovies.it
  4. ^ È circolato nelle reti nazionali (sulla Mediaset) e sulle piattaforme a pagamento (su Sky cinema) in un'edizione di 115 minuti.
  5. ^ Recensione di Pier Maria Bocchi per Film TV
  6. ^ Lucia y el sexo su Rotten Tomatoes
  7. ^ Awards for Lucía y el sexo

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]