Leodegario di Autun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Leodegario
Il Martirio di San Leodegario, da una Bibbia illustrata del XIII secolo
Il Martirio di San Leodegario,
da una Bibbia illustrata del XIII secolo

Vescovo e martire

Nascita Borgogna, 616
Morte Sarcing 2 ottobre 678
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 2 ottobre

San Leodegario, in francese Léger (Borgogna, 616Sarcing, 2 ottobre 678), fu vescovo di Autun e collaboratore di vari sovrani merovingi: è venerato come santo e martire dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Entrò giovanissimo a servizio di Clotario II e venne educato presso la scuola palatina di Neustria; attorno ai venti anni venne nominato arcidiacono della cattedrale di Poitiers da suo zio, il vescovo Desiderio, che lo ordinò anche sacerdote. Attorno al 650 divenne monaco nell'abbazia di San Massenzio e ne divenne abate nel 651: ricoprì questa carica per sei anni, introducendo nel monastero la regola benedettina.

Dopo la morte di Clodoveo II (656), Leodegario venne chiamato a corte come consigliere dalla regina Batilde, reggente per conto del figlio, ancora minorenne, Clotario III. Perse la sua autorità a corte quando Ebroino divenne maggiordomo di palazzo e la regina venne allontanata.

Nel 663 fu eletto vescovo di Autun: si impegnò nella riforma della diocesi, vigilando severamente sui costumi del clero secolare e sull'applicazione delle regole all'interno delle comunità religiose; lottò contro l'eresia manichea, adottando il Credo Atanasiano, e restaurò e abbellì la città di Autun, ampliando la cattedrale di Saint-Nazaire e facendo costruire tre battisteri.

Alla morte di Clotario III (673) Leodegario fu uno dei principali ispiratori della rivolta dell'aristocrazia che rovesciò il nuovo re di Neustria imposto da Ebroino, Teodorico III, e portò sul trono il re di Austrasia Childerico II: Teodorico ed Ebroino vennero internati rispettivamente nelle abbazie di Saint-Denis e Luxeuil e Leodegario venne richiamato a corte come consigliere di Childerico ma, entrato in contrasto col sovrano, venne presto esiliato a Luxeuil.

Nel 675, alla morte di Childerico, Teodorico III ed Ebroino tornarono al potere e a Leodegario venne restituita la sua sede episcopale e tornò ad essere il principale esponente dell'opposizione aristocratica al potere monarchico assoluto. Con l'accusa di aver organizzato l'assassinio di Childerico II, Ebroino fece deporre Leodegario e lo condannò all'esilio.

Leodegario venne rinchiuso nell'abbazia di Fécamp, in Normandia, dove venne torturato a lungo, accecato e infine ucciso, nella foresta di Sarcing.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Nel 679 le sue reliquie vennero traslate nell'abbazia di San Massenzio, poi a Rennes, ad Ebreuil ed infine nella cattedrale di Autun e a Soissons.

Memoria liturgica il 2 ottobre.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Autun Successore BishopCoA PioM.svg
Ferreolus
650 - 657
659 - 678 Hermenarius
678 - 690

Controllo di autorità VIAF: 22936644 LCCN: no96042069