Le bostoniane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le bostoniane
Titolo originale The Bostonians
Altri titoli Gente di Boston, I bostoniani[1]
Autore Henry James
1ª ed. originale 1885
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Le bostoniane (The Bostonians), pubblicato in Italia anche con i titoli Gente di Boston e I bostoniani,[1] è un romanzo storico-drammatico scritto da Henry James e pubblicato inizialmente su "The Century Magazine", rivista americana nel 1885, quindi in forma di libro il 16 febbraio 1886, in tre volumi, presso Macmillan and Co. di Londra.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato a Boston nell'anno 1876, il romanzo narra di uno strano triangolo tra Basil Ransom, avvocato e politico newyorkese di stampo conservatore e due donne: Olive Chancellor, sua cugina (presso la quale lui si reca in visita) e Verena Tarrant, giovane femminista che lei protegge: i loro pensieri sulla donna e sull'amore, le loro scelte di vita, fra lotta per l'emancipazione delle donne e desiderio di Basil e Olive di essere entrambi un punto di riferimento affettivo per Verena. Di contorno a questa vicenda ci sono diversi ritratti ed eventi che raccontano la vita del tempo in città, con il mondo dei giornali e dei ricchi statunitensi della costa est che mandano i figli all'Università di Harvard. Affascinata da questo mondo, oltre che dall'uomo, Verena si lascia portare via dalla lotta, verso la quale Olive e ferventi suffragette avrebbero voluto impegnarla, salvo che probabilmente, come avverte l'autore a fine libro, se ne pentirà presto.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984, il regista James Ivory ha tratto dal romanzo il film I bostoniani, con Vanessa Redgrave, Madeleine Potter e Christopher Reeve.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Catalogo SBN. URL consultato il 19-10-2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]