Lana Del Ray A.K.A. Lizzy Grant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lana Del Ray A.K.A. Lizzy Grant
Artista Lizzy Grant
Tipo album Studio
Pubblicazione 5 gennaio 2010
Durata 47 min : 23 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Pop rock
Indie pop
Etichetta 5 Points
Lizzy Grant - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2012)

Lana Del Ray A.K.A. Lizzy Grant è l'album di debutto della cantautrice statunitense Lana Del Rey, pubblicato sotto l'etichetta indipendente 5 Points Records nel 2010, quando la cantante era nota come Lizzy Grant, diminutivo del suo vero nome.[1][2][3][4] L'album è stato ritirato dal mercato online poco dopo la sua pubblicazione perché, secondo Del Rey, l'etichetta non era in grado di finanziare il progetto.[4] Del Rey ha quindi riacquisito i diritti sull'album, il cui titolo presenta uno spelling diverso da quello del nome d'arte scelto in seguito dalla cantante, "Del Ray" anziché "Del Rey".

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato prodotto da David Kahne, che ha registrato il disco con Del Rey nell'arco del periodo di circa tre mesi, nel 2010.[1] In precedenza, Del Rey aveva registrato un EP intitolato Kill Kill nel 2008 con Kahne, che conteneva tre tracce; tale EP è stato pubblicato su iTunes nell'ottobre del 2008.[2] Del Rey ha affermato che Kahne «è noto come un produttore con molta integrità e che è interessato a fare musica che non è solo pop».[5] Il padre della cantante, Robert Grant, ha aiutato nella commercializzazione dell'album.[6]

Ritiro[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato reso disponibile per l'acquisto su iTunes per un breve periodo, prima di essere ritirato. Secondo il produttore David Kahne e il proprietario dell'etichetta David Nichtern, la cantante ha riacquisito i diritti dalla sua etichetta discografica 5 Points perché voleva che l'album non fosse più in circolazione. Durante un'intervista, David Nichtern ha affermato che «lei e il suo nuovo manager entrarono e dissero "Vogliamo che sia fuori dal mercato. Stiamo stringendo un accordo completamente nuovo. Rescinderemo il contratto con voi". Quindi abbiamo fatto un contratto di separazione».[7]

Nel gennaio del 2012, dopo l'uscita del suo secondo album Born to Die, Del Rey ha annunciato la ri-pubblicazione del suo album di debutto per l'estate dello stesso anno,[4] proposto poi ritirato nel maggio del 2012.[8]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Kill Kill – 3:57 (Elizabeth Grant)
  2. Queen of the Gas Station – 3:04 (Grant)
  3. Oh Say Can You See – 3:40 (Grant)
  4. Gramma (Blue Ribbon Sparkler Trailer Heaven) – 3:55 (Grant, David Kahne)
  5. For K Part 2 – 3:24 (Grant)
  6. Jump – 2:51 (Grant)
  7. Mermaid Motel – 3:59 (Grant)
  8. Raise Me Up (Mississippi South) – 4:22 (Grant)
  9. Pawn Shop Blues – 3:26 (Grant, Kahne)
  10. Brite Lites – 2:58 (Grant)
  11. Put Me in a Movie – 3:13 (Grant)
  12. Smarty – 2:49 (Grant, Kahne)
  13. Yayo – 5:45 (Grant)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Jessica Collier, Lizzy Grant aka. Lana Del Ray releases album, Adirondack Daily Enterprise, 28 gennaio 2010. URL consultato il 18 aprile 2012.
  2. ^ a b (EN) Brea Tremblay, Lizzy Grant Interview, Index Magazine, 2008. URL consultato il 18 aprile 2012.
  3. ^ (EN) Fiona Sturges, Lana Del Rey: A beguiling beauty who's more than a one-hit wonder, The Independent, 20 gennaio 2012. URL consultato il 18 aprile 2012.
  4. ^ a b c (EN) Alex Young, Lana Del Rey to release "lost album", Consequences of Sound, 27 gennaio 2012. URL consultato il 18 aprile 2012.
  5. ^ (EN) Original Sin: An Interview With Lana Del Rey, The Quietus, 4 ottobre 2011. URL consultato il 3 dicemnre 2011.
  6. ^ (EN) Jessica Collier,: Interview: Lizzy Grant aka. Lana Del Rey releases EP, adirondack daily enterprise.com, 28 gennaio 2010. URL consultato il 27 settembre 2011.
  7. ^ (EN) Why Lana Del Rey’s First Album Disappeared, 30 gennaio 2012. URL consultato il 24 aprile 2012.
  8. ^ (EN) Lana Del Rey On World Cafe, National Public Radio, 13 agosto 2012. URL consultato il 26 settembre 2012.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica