Khadja Nin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Khadja Nin
Nazionalità Burundi Burundi
Genere Pop
World music
Periodo di attività 1992 – in attività

Khadja Nin (27 giugno 1959) è un cantante di musica pop/world music burundese e residente in Belgio.

Ha inciso brani in diverse lingue, incluse swahili, kirundi e francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nin iniziò a studiare musica e canto fin da giovanissima. A sette anni era una delle prime voci del coro della cattedrale di Bujumbura e sognava di intraprendere una carriera come quella di Miriam Makeba.[1] A 16 anni lasciò il Burundi per trasferirsi in Zaire (oggi Repubblica Democratica del Congo), dove si sposò ed ebbe un figlio. Per qualche tempo si dedicò al settore turistico insieme al marito, per poi trasferirsi con la famiglia nel Belgio, nel 1980. La morte improvvisa del marito la costrinse ad accettare lavori di basso profilo per mantenere il figlio, finché nel 1985 non conobbe il musicista Nicolas Fiszman, che la introdusse presso l'etichetta discografica BMG.

I suoi primi album, Khadja Nin (1992) e Ya Pili (1994) furono accolti tiepidamente dal pubblico e dalla critica. Il successo venne nel 1996 con il terzo album, Sambolera, che conteneva tra gli altri il brano Sina Mali, Sina Deni (una reinterpretazione di Free di Stevie Wonder) che è stato uno dei suoi massimi successi.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ V. Biography, khadja-nin.com