Kaiser Wilhelm der Große

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wilhem der Grosse
Kaiser wilhelm der grosse 01.jpg
Descrizione generale
War Ensign of Germany 1903-1918.svg
Tipo nave corsara
Classe transatlantico
Proprietario/a Kaiserliche Marine
Cantiere Vulcan
Completata 1897
Destino finale affondata
Caratteristiche generali
Dislocamento 24.300
Lunghezza 198 m
Larghezza 20 m
Pescaggio 8,4 m
Propulsione 2 motrici alternative a triplice espansione, 28.000hp
Velocità 22,5 nodi
Passeggeri 584
Armamento
Armamento 6 cannoni da 105mm e 2 da 37mm

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Kaiser Wilhelm der Große era un transatlantico tedesco adibito alla guerra di corsa durante durante le prime fasi della Prima guerra mondiale. Era stata così battezzata in onore di Guglielmo I di Germania. Venne varato nei cantieri Bremen-Vulcan e completato nel 1897.

Periodo precedente il primo conflitto mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo precedente la grande guerra, la Norddeutscher Lloyd (NDL) era proprietaria di transatlantici eleganti e veloci, che rappresentavano l’immagine della nazione nelle rotte del nord Atlantico. Durante gli anni 1897-1907 i suoi bastimenti conquistarono 3 volte il Nastro Azzurro, prestigioso premio per la traversata più veloce, e uno dei bastimenti che riuscì nell’impresa di abbassare questo primato era proprio il Wilhelm.

La nave aveva 4 fumaioli, inclinati all’indietro, dimensioni imponenti per un bastimento del tardo XIX secolo, e 2 snelli alberi a prua e poppavia del blocco sovrastrutture. Aveva una potenza e velocità superiore a quella delle navi da battaglia dell’epoca, e nonostante la mancanza delle turbine era capace di superare ampiamente i 20 nodi, cosa difficile da ottenere con le motrici alternative. Ma nel realizzarlo si pensò anche ad un possibile impiego bellico, e così le paratie e altre strutture vennero rinforzate significativamente. La sua carena realizzata in scala fu sperimentata presso la vasca navale della Regia Marina italiana situata a La Spezia nel 1899. L'anno dopo le prove furono ripetute con la partecipazione di personale italiano presso la nuovissima vasca navale tedesca di Bremerhaven. Per l’uso come nave ausiliaria della flotta da guerra, offriva la spaziosità delle sue cabine per l’equipaggio, truppe per i prigionieri, come anche la tenuta al mare grosso data da un alto bordo libero. La nave non era realmente indicata per il compito di corsara date le caratteristiche dell’apparato motore, il cui alto consumo costituiva un problema senza soluzione.

Attività in guerra[modifica | modifica wikitesto]

Scoppiata la guerra, la nave tedesca venne pitturata in un nero opaco e imbarcò l’armamento di cannoni, prevalentemente da 105mm. Comandato da un ufficiale della marina militare, Reymann, salpò già il 4 agosto 1914, e rasentando la costa norvegese anticipò il blocco inglese. Subito catturò un peschereccio, il Tubal Cain da 225t. Verso il 15 agosto era nella zona di pattugliamento, catturando in rapida sequenza 4 bastimenti civili e seminando scompiglio nell’Atlantico centrale.

Ritrovatosi senza carbone, l'equipaggio dovette rifugiarsi nell’ancoraggio di Rio de Oro, per rifornirsi da una carboniera catturata. La superiorità strategica della flotta britannica, dovuta soprattutto al numero delle basi disponibili, si palesò subito, perché il corsaro tedesco venne raggiunto a sorpresa dall’incrociatore Highflyer, armato di cannoni da 152mm. La potente nave inglese intimò la resa del Wilhelm. Al suo rifiuto, affondò la nave corsara in un combattimento di 90 minuti.

Era il 26 agosto 1914 e la difesa della nave tedesca non poté nascondere l’inadeguatezza dei transatlantici nella lotta al traffico mercantile, cosa che sarebbe stata ben presto risolta con navi più adatte allo scopo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori vari. Enciclopedia Armi da guerra. De Agostini. Traduzione italiana dell'originale britannica War machines della Aerospace Publishing ltd.
  • Zaffiri, Gabriele, Kaiserliche Hilfskreuzer, Pozzuoli (Napoli), 2007
  • Claudio Boccalatte. La vasca navale della Regia Marina articolo su RID Rivista Italiana Difesa. Giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina