Juan Pardo de Tavera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Pardo de Tavera
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardenal Tavera.jpg
Il cardinale Juan Pardo de Tavera ritratto da El Greco
Nato 26 maggio 1472, Toro
Creato cardinale 22 febbraio 1531 da papa Clemente VII
Deceduto 1º agosto 1545

Juan Pardo de Tavera (Toro, 26 maggio 1472Valladolid, 1º agosto 1545) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico spagnolo.

Laureato in giurisprudenza e teologia, nipote del vescovo Diego de Deza (che difese davanti ai re le idee di Cristoforo Colombo), fu consigliere dell'Inquisizione spagnola e rettore dell'Università di Salamanca agli inizi del XVI secolo. Nel 1514 fu nominato vescovo di Ciudad Rodrigo. In quest'epoca frequentò la corte di Carlo V e da lui ottenne il trasferimento alla diocesi di Osma. Presidió il consiglio di Castiglia, il principale centro di potere della monarchia spagnola, e la Cancelleria di Valladolid, un organo con competenze giudiziali sul territorio della Castiglia. Nel 1525 divenne arcivescovo di Santiago di Compostela quando questa presiedeva le corti di Toledo e Valladolid nel 1525.

Divenne cardinale nel 1531 nominato da papa Clemente VII e tre anni dopo gli fu affidata l'arcidiocesi di Toledo. Rinunciò al consiglio di Castiglia per diventare, nel 1539, inquisitore generale.