José Paranhos, visconte di Rio Branco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
José Paranhos in una fotografia del 1879

José Maria da Silva Parahnos, visconte di Rio Branco (Salvador de Bahia, 16 marzo 1819Rio de Janeiro, 1 novembre 1880), è stato un politico e diplomatico brasiliano, tra le figure più significative della politica brasiliana ottocentesca. Nacque durante il regno di Giovanni VI del Portogallo, figlio di Agostinho da Silva Paranhos e Josefa Paranhos.

Studiò all'Accademia Navale diplomazia e matematica, rivelando una straordinaria intelligenza. Divenne successivamente insegnante all'Università Centrale (il futuro Politecnico).

Collaborò con riviste come O Nov Tempo, Correiro Mercantil, Jornal do Commercio e O Maribondo.

Fu segretario della missione speciale di Rio de Plata nel 1851 sostenuto da Honório Carneiro Leão e più tardi ambasciatore capo e inviato speciale in Argentina, Uruguay e Paraguay. Fu uno dei fondatori del partito conservatore brasiliano e confidente dell'imperatore Pietro II del Brasile.

Fu più volte deputato e ricoprì le cariche di ministro degli esteri, della guerra, della marina e dell'agricoltura.

Fu presidente del consiglio dei ministri dal 1871 al 1875. Quell'epoca fu perciò definita Ministero di Rio Branco.

Il suo omonimo figlio fu ministro degli esteri dal 1902 al 1912.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Lemma su Treccani.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]