Jasper Maskelyne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jasper Maskelyne (Londra, 1902Nairobi, 1973) è stato un illusionista inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Al servizio del Secret Intelligence Service e del Genio militare britannico durante la seconda guerra mondiale, ideò tecniche di mimetizzazione e mascheramento su larga scala, che permisero agli Alleati di far fallire molte azioni belliche tedesche nel Nordafrica.

Tra le operazioni di mascheramento più famose, con i suoi collaboratori dell'unità soprannominata la Banda dei Miracoli "nascose" il porto di Alessandria d'Egitto, costruendone una riproduzione (in paglia, fango e legno) qualche miglio più distante rispetto al porto vero e proprio, depistando così i bombardieri italo-tedeschi.

Con movimenti di finti camion e carri armati gonfiabili, nel giugno del 1944 fece credere ai generali di Hitler che lo sbarco in Normandia sarebbe avvenuto a Calais, sulla Manica, depistando così ancora una volta i tedeschi.[1]

Studi recenti dello storico Richard Stokes hanno rivelato che gran parte della storia circa il coinvolgimento Jasper Maskelyne nelle operazioni di contro-spionaggio, come descritte nei suoi libri "White Magic" e "Magic: Top Secret", è pura invenzione, e che non era esistita nessuna fantomatica "Magic Gang". Il reale ruolo di Maskelyne fu in realtà molto marginale nell'evoluzione degli eventi bellici e la sua funzione fu di intrattenitore delle truppe stanziate nel Nord-Africa. Questo spiega il perché non gli venne data alcuna onorificenza al valor militare nonostante le decantate azioni eroiche.

Morì, con seri problemi di alcool e dopo aver aperto una scuola di guida in Kenia, solo e dimenticato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il "mago" del D-Day, Focus Storia n. 50, dicembre 2010, p. 30.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fisher, D. (2005). Il Mago della Guerra. Longanesi, Milano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 28204699

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie