James White (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

James White (Belfast, 7 aprile 1928Portstewart, 23 agosto 1999) è stato un autore di fantascienza irlandese. Le sue opere sono considerate un'anticipazione di temi pacifisti nel campo della space opera e della fantascienza hard.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Belfast (Ulster - Irlanda del Nord) nel 1928, fu uno scrittore di fantascienza piuttosto noto negli anni sessanta del Novecento. Fu anche pubblicitario e docente. La sua aspirazione giovanile era di studiare medicina, ma le modeste risorse finanziarie della sua famiglia glielo impedirono.

I suoi racconti e romanzi riprendono questa sua insoddisfatta aspirazione all’approccio scientifico e le sue storie spessissimo sono molto accurate e lo fanno considerare come uno dei maestri della fantascienza hard (hard science fiction).

Non riuscì a diventare scrittore professionista a tempo pieno, e seppur ebbe riconoscimenti dell’establishment (nel 1980 tenne a Belfast un corso di letteratura presso la Workers Educational Association e per molti anni fu membro del Consiglio della British Science Fiction Association e della Irish Science Fiction Association), nella sua biografia anglosassone[senza fonte] si riporta che continuava a scrivere solo nel tempo libero e di sera.

Continuò a scrivere anche dopo il suo pensionamento nel 1984, dovuto a forti problemi di vista causati dal diabete di cui era afflitto.

In Irlanda la memoria di James White è mantenuta vita tramite il James White Award Science Fiction Short Story Competition[1] riservato a scrittori di racconti, non professionisti, di lingua inglese, con temi rigorosamente fantascientifici.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Serie[modifica | modifica sorgente]

Le sue opere più conosciute sono comprese nella serie di racconti intitolata Sector General (Stazione Ospedale), che consiste di dodici volumi principali pubblicati tra il 1962 ed il 1999; altri racconti della stessa tematica furono pubblicati fuori raccolta. In italiano racconti di questa serie sono stati raccolti in due volumi, Stazione ospedale e Ospedale da combattimento (Cosmo Oro, Nord, 2001). La tematica di Sector General è fortemente pacifista, tale da farla considerare da qualche critico statunitense (Mike Resnick) la "prima space opera pacifista", proprio in un periodo in cui la fantascienza statunitense era fortemente permeata da temi bellici e militaristi. Per lo stile ironico White è anche citato come uno degli autori di fantascienza umoristica.

James White in questa serie si riallaccia in quale modo alla sua aspirazione giovanile per la medicina: Sector General è una stazione spaziale che ospita un gigantesco ospedale multi-specie, neutrale rispetto alle guerre spaziali in corso, ed accoglie senza preclusione al genere o alla "diversità", pazienti e staff di numerosissime specie extraterrestri senzienti, con differenti e complessi problemi di ambiente, alloggio, alimentazione, cure.

Altri romanzi[modifica | modifica sorgente]

Al di fuori di Sector General White scrisse numerose altre opere; fu infatti uno scrittore molto prolifico; alcune di esse furono pubblicate anche in Italia, prevalentemente presso la Mondadori nella collana Urania.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ James White Award | The website for the James White Award Short Story Competition

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Graham Andrews, Bibliography of James White

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 73974334 LCCN: n50020250