James Bruce, VIII conte di Elgin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da James Bruce, VIII Conte di Elgin)
James Bruce, VIII conte di Elgin
LordJamesBruceElgin.jpg
Conte di Elgin
In carica 1841 –
1863
Predecessore Thomas Bruce, VII conte di Elgin
Successore Victor Bruce, IX conte di Elgin
Altri titoli Conte di Kincardine
Nascita Londra, 20 luglio 1811
Morte Dharamsala, 20 novembre 1863
Dinastia Clan Bruce
Padre Thomas Bruce, VII conte di Elgin
Madre Elizabeth Oswald
Consorte Lady Mary Louisa Lambton

James Bruce, VIII conte di Elgin (Londra, 1811Dharamsala, 1863) è stato un diplomatico scozzese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di Thomas Bruce, VII conte di Elgin, e della sua seconda moglie, Elizabeth Oswald. Studiò a Eton College e al Christ Church di Oxford. Mentre era a Oxford divenne amico di William Ewart Gladstone.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato eletto deputato per Southampton. Fu governatore delle Giamaica[1] (1842-1846) e del Canada[2] (1847-1854). Lord Elgin divenne il primo governatore generale che rimosse se stesso dagli affari di legislatore, che portò il ruolo simbolico che il governatore generale da allora ha avuto per quanto riguarda gli affari politici del paese.

Nel 1854, Lord Elgin ha negoziato il trattato di reciprocità con gli Stati Uniti nel tentativo di stimolare l'economia canadese. Si dimise da governatore generale nel 1855.

Cina e Giappone[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1857 fu inviato come ministro plenipotenziario in Cina, dove ha condotto il bombardamento di Canton e ha supervisionato la fine della seconda guerra dell'oppio e siglò il trattato di Tientsin (1858).

Nel giugno 1860 è tornato in Cina per assistere con ulteriori attacchi che inizialmente erano guidati dal fratello. Il 18 ottobre 1860 non avendo ricevuto la resa cinese, ordinò la distruzione completa del Yuan Ming Yuan (o Vecchio Palazzo d'Estate). Egli e le sue truppe riuscirono a saccheggiare i tesori dei giardini imperiali e li portarono in Gran Bretagna. Il 20 ottobre 1860 fu firmata la convenzione di Pechino.

India[modifica | modifica wikitesto]

Egli divenne viceré dell'India nel 1861, e fu il primo ad utilizzare Peterhoff, come residenza ufficiale del viceré.

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Primo matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 22 aprile 1841, Elizabeth Cumming-Bruce, figlia di Charles Cumming-Bruce e Mary Elizabeth Bruce. Ebbero una figlia:

Secondo matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 7 novembre 1846, Lady Mary Louisa Lambton, figlia di John Lambton, I conte di Durham e Lady Louisa Gray. Ebbero tre figli:

  • Victor Bruce, IX conte di Elgin (16 maggio 1849-18 gennaio 1917);
  • Lord Robert Preston Bruce (4 dicembre 1851-8 dicembre 1893);
  • Lord Frederick John Bruce (16 settembre 1854-26 gennaio 1920), sposò Katherine Fernie, ebbero otto figli.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 20 novembre 1863 per un attacco cardiaco mentre attraversava una corda oscillante e ponte di legno sul fiume Chandra, tra Manali e Lahul. Fu sepolto nel St. John in the Wilderness a Dharamsala.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William C. Sargeaunt e Arthur N. Birch, The Colonial Office List for 1862, London, UK, Edward Stanford, 1862, p. 128.
  2. ^ Barry M. Gough, Historical Dictionary of Canada, Lanham, MD, Scarecrow Press, 2011, p. 163, ISBN 978-0-8108-7504-3.

Controllo di autorità VIAF: 32027508 LCCN: n50082977

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie