Isauria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Antiche regioni dell'Anatolia. L'Isauria si trovava tra Licaonia, Pisidia, Panfilia e Cilicia

Isauria (greco: Ἰσαυρία) era il nome di un'antica regione nel sud della penisola anatolica, la cui posizione variò sensibilmente nei secoli. Essa corrisponde grossomodo alla parte sudoccidentale dell'attuale provincia turca di Konya.

L'Isauria prese il nome dal popolo isaurico che abitò quella regione, e conseguentemente dalle due città di Isaura Palaea (Ίσαυρα Παλαιά, in latino Isaura Vetus) e Isaura Nea (Ίσαυρα Νέα, Isaura Nova). Il nucleo originario della regione si trovava ai piedi del versante settentrionale della catena del Tauro.

In epoca alto imperiale romana la regione, soggiogata intorno al 78 a.C. fece parte, assieme alla Licaonia, del regno cliente e in seguito della provincia di Galazia.

Provincia romana di Isauria[modifica | modifica wikitesto]

La Diocesi d'Oriente nel 400: nell'angolo nord-occidentale si trova la provincia tardo-imperiale dell'Isauria

La provincia di Isauria fu istituita con la riforma amministrativa di Diocleziano (297). La nuova provincia di Isauria, parte della Diocesi d'Oriente, copriva entrambi i versanti del Tauro fino al Mar Mediterraneo, comprendendo la regione precedentemente nota come Cilicia Trachea e il bacino del fiume Calicadno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]