Il sole di Montecassino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il sole di Montecassino
Paese di produzione Italia
Anno 1945
Durata 84 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico, religioso
Regia Giuseppe Maria Scotese
Soggetto Diego Fabbri, Mario Monicelli, Giorgio Lastricati
Sceneggiatura Giuseppe Maria Scotese, Diego Fabbri, Mario Monicelli, Giorgio Lastricati
Produttore Maleno Malenotti per Arno Film
Distribuzione (Italia) Minerva Film
Fotografia Carlo Montuori
Montaggio Mario Serandrei
Musiche Giovanni Fusco
Interpreti e personaggi

Il sole di Montecassino è un film del 1945 diretto da Giuseppe Maria Scotese

Soggetto tratto da un'opera originale di Diego Fabbri.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si apre mostrando alcuni civili che fuggono dal bombardamento di Montecassino (descritto con alcuni spezzoni autentici di "combat film" americani). All'affermazione di uno di questi, "Dio ci ha abbandonato!", un altro (che è un frate del convento) risponde che non è vero: spiega infatti che anche nelle invasioni barbariche, in mezzo a devastazioni uguali a quelle della seconda guerra mondiale, Dio seppe suscitare un uomo come San Benedetto, che seppe risollevare l'umanità dalla desolazione e dalla miseria.

Si apre quindi un flashback che inizia la narrazione della vita di Benedetto: nobiluomo romano destinato a una carriera da avvocato, ma deluso dalle vacuità e inutilità della sua esistenza priva di ideali, decide di ritirarsi in una grotta per pregare e meditare in solitudine.

Passano molti anni e dal suo eremo presso Subiaco riesce a mettere pace nelle locali comunità in guerra fra loro, e successivamente fra queste e i Goti invasori. Più tardi, raccolti intorno a sé alcuni compagni, decide di fondare sul monte presso Cassino una grossa Abbazia destinata a diventare un grande centro per la cristianità e di pace.😃

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Incasso accertato sino a tutto il 31 dicembre 1952 £ 48.000.000

Manifesti e locandine[modifica | modifica wikitesto]

I manifesti del film per l'Italia furono realizzati dal pittore cartellonista Anselmo Ballester

  • Il bozzetto [1]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente si tratta dell'unico film mai girato sulla vita del santo di Norcia.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'affermazione è basata su un riscontro fatto sul sito www.cinemedioevo.net

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogo Bolaffi del cinema italiano volume primo 1945/1955 a cura di Gianni Rondolino

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema