IAR 37

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
IAR 37
Descrizione
Tipo aereo da ricognizione
Equipaggio 3
Costruttore Romania IAR
Data primo volo 1937
Esemplari 50
Sviluppato dal Potez 25
Altre varianti IAR 38
IAR 39
Dimensioni e pesi
Lunghezza 12,22 m
Apertura alare 9,5 m
Altezza 4,09 m
Peso a vuoto 2 219 kg
Peso carico 3 060 kg (senza bombe)
3 435 kg (con bombe)
Propulsione
Motore un radiale IAR 14K II c32
Spinta 870 hp (640 kW)
Prestazioni
Velocità max 335 km/h a 3 200 m
Velocità di salita a 4 000 m in 8 min 30 s
Autonomia 650 km
Tangenza 8 000 m
Armamento
Mitragliatrici 4 PWU-FK Browning calibro 7,92 mm
Bombe 12 da 50 kg
Note dati relativi alla versione IAR 37

i dati sono estratti da WorldWar2.ro [1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Lo IAR 37 era un ricognitore-bombardiere leggero monomotore biplano prodotto dall'azienda rumena Industria Aeronautică Română (IAR) negli anni trenta.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Intorno alla metà degli anni trenta il Ministerul Aerului şi Marinei (Ministero dell'Aria e della Marina romeno, MAM) emise una specifica per la fornitura di un nuovo velivolo destinato alla ricognizione ed al bombardamento leggero tattico.[2]

La IAR decise di partecipare con un progetto che si basava sul Potez 25 del quale deteneva un contratto di produzione su licenza dall'azienda francese Aéroplanes Henry Potez e che già forniva all'aeronautica militare del Regno di Romania. Il velivolo riprendeva lo schema generale del modello da cui derivava, monomotore con configurazione alare biplana e carrello fisso, introducendo una fusoliera dotata di ampie finestrature per facilitare il compito nella individuazione degli obiettivi.[2]

I lavori di sviluppo iniziarono nel 1936 concretizzatisi nel prototipo, al quale venne assegnata la designazione IAR 37.1, che venne portato in volo per la prima volta nella primavera del 1937 ai comandi del pilota collaudatore dell'azienda Max Manolescu. Le prove di volo confermarono la validità del progetto quindi, sottoposto alla valutazione delle autorità militari, nel tardo 1937 la IAR stipulò con il MAM un contratto di fornitura per un lotto di 50 complessivo di esemplari.[1][2]

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Entro la fine del 1940 i biplani I.A.R.37 e le successive versioni 38 e 39 erano in servizio in gran numero nella Fortelor Aeriene Regal ale Romania o FARR. Essi equipaggiavano un rilevante numero di squadroni nel giugno 1941, quando la Romania appoggiò l'offensiva tedesca contro l'Unione Sovietica. I tre gruppi di ricognizione della FARR avevano 18 squadriglie, 15 delle quali erano equipaggiati con biplani I.A.R.. Nel luglio 1942 il corpo di spedizione in Unione Sovietica fu riorganizzato e denominato Corpul I Aerian e aveva molte squadriglie equipaggiate con gli I.A.R.39. 11 squadriglie di ricognizione, la maggior parte dei quali con gli I.A.R.39, operarono con i tedeschi durante l'offensiva del 1944 contro l'Ucraina. Nel dopoguerra, dopo la dichiarazione della nuova Repubblica Popolare comunista alla fine del 1947, l'aviazione militare fu riorganizzata e denominata FR-RPR (Fortele Aeriene ale Republicii Populare Romania). La FR-RPR mantenne per molti anni alcuni I.A.R.39 utilizzati per l'addestramento e il collegamento.

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Romania Romania
Romania Romania

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b IAR-37/38/39/A in WorldWar2.ro.
  2. ^ a b c I.A.R. 37, 38, 39; 1937 in Virtual Aircraft Museum.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (ENRO) Crăciunoiu, Cristian and Roba, Jean-Louis. Romanian Aeronautics in the Second World War, 1941-1945. Bucureşti, Romania: Editura Modelism International Ltd, 2003. ISBN 97-3810-118-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]