Hizb al-Tahrir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hizb al-tahrir (in arabo: ﺣﺰﺐ ﺍﻟﺘﺤﺮﻳﺮ, Ḥizb al-taḥrīr, talora scritto Hizb ut-Tahrir, ossia "Partito della liberazione") è una setta egiziana, che in seguito si è trasformata in movimento politico, oggi presente soprattutto nel Regno Unito e in Uzbekistan. Il movimento ha la sua base tra gli immigrati di seconda generazione di religione islamica, favorevoli al califfato.

Molti ulema e vari autori moderni hanno scritto molto sulle condizioni necessarie per poter essere un califfo,[1] mantre pochi sforzi sono stati fatti per trovarne uno in carne ed ossa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Com'è noto, l'istituto del Califfato non trova referenti né nel Corano né nella Sunna. Esistono invece diverse teorie che elencano le condizioni "necessarie ma non sufficienti" per ricoprire la suprema magistratura del mondo islamico sunnita, e fondamentalmente, quella esposta da al-Mawardi nel suo Aḥkām al-sulṭaniyya (Le fondamenta del potere).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]