Henrique da Costa Mecking

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Henrique da Costa Mecking

Henrique da Costa Mecking (Santa Cruz do Sul, 23 gennaio 1952) è uno scacchista brasiliano, Grande Maestro.

Di famiglia di origine tedesca (il nonno Heinrich Mecking emigrò in Brasile negli anni 1880), rivelò fin da giovanissimo un notevole talento per gli scacchi, vincendo a soli 13 anni a Rio de Janeiro il campionato brasiliano[1].

All'età di 15 anni partecipò al torneo interzonale di Sousse in Tunisia, sconfiggendo tra gli altri Viktor Korchnoi[2]. Nel 1971 divenne a 19 anni il primo grande maestro brasiliano

Raggiunse il massimo punteggio Elo nel 1977 con 2635 punti (3º posto al mondo dopo Karpov e Korchnoi).

Nella lista FIDE di aprile 2009 ha 2556 punti.

Ottenne il primo trionfo in campo internazionale vincendo l'interzonale di Petropolis del 1973, davanti a giocatori come Paul Keres, David Bronstein e molti altri. Nei quarti di finale del torneo dei candidati perse però contro Viktor Korchnoi.

Nel 1976 vinse l'interzonale di Manila davanti a Hort, Polugaevsky, Ljubojević, Vitaly Tseskovsky e altri 15 grandi maestri. Nel torneo dei candidati perse nei quarti di finale contro Polugaevsky.

Partecipò a pochi tornei, ottenendo però alcuni notevoli risultati:

Verso la fine degli anni '70 cominciò a soffrire di miastenia gravis, ciò che gli impedì di proseguire regolarmente la carriera scacchistica. Negli anni '90 le sue condizioni di salute migliorarono e ciò gli permise di disputare alcune partite amichevoli (nel 1991 contro Predrag Nikolić e nel 1992 contro Yasser Seirawan) e saltuariamente alcuni tornei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ripeté il successo due anni dopo a San Paolo
  2. ^ Vedi la partita su Chessgames.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]