Vlastimil Hort

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vlastimil Hort durante una simultanea

Vlastimil Hort (Kladno, 12 gennaio 1944) è uno scacchista cecoslovacco, tedesco e dal 1985, Grande Maestro.

È stato uno dei più forti grandi maestri del mondo negli anni '60 e '70, partecipando più volte alle selezioni per il titolo mondiale. Ha vinto sei volte il campionato cecoslovacco e tre volte il campionato tedesco.

Principali risultati[modifica | modifica sorgente]

  • 1959 : 2°-4° al campionato cecoslovacco all'età di 15 anni.
  • 1960 : 3° nel campionato cecoslovacco.
  • 1964 : 2° al torneo di Varna, 3° a Polanika Zdroj.
  • 1965 : =1° a Mariánské Lázně, =1° a Kecskemét; ottiene il titolo di Grande Maestro all'età di 21 anni.
  • 1967 : 2° al torneo zonale di Halle, 2°-3° a Polanika Zdroj, 3° a Krems.
  • 1968 : 1°-4° al torneo di Hastings 1967-68; 2°-4° al torneo di Wijk aan Zee; 3°-4° a Monte Carlo; 1°-3° a Sombor.
  • 1969 : 1° a Venezia, 1°-2° a Skopje, 2°-3° a Zagabria, 3°-4° a Palma di Majorca.
  • 1970 : 2° a Wijk aan Zee, 2°-3° a Rovigno. Vince per la prima volta il campionato cecoslovacco; lo vincerà ancora nel 1971, 1972, 1975, 1977 e 1984. Partecipa all'incontro "URSS contro Resto del Mondo" di Belgrado, vincendo 2,5 - 1,5 contro Lev Polugaevsky.
  • 1971 : 1° al Capablanca Memorial di L'Avana.
  • 1977 : Stabilisce il primato mondiale di partite in simultanea, giocando contro 600 avversari.
  • 1987 : Vince a Bad Neuenahr il campionato tedesco alla pari con Ralf Lau; vincerà ancora il campionato tedesco nel 1989 e 1991.
  • 2006 : Campione del mondo seniores a Magonza di "Chess960" (detto anche Fischer Random).

Risultati alle olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Hort a Reggio Emilia nel 1986

Hort ha partecipato dal 1960 al 1992 a 14 edizioni delle Olimpiadi (11 con la Cecoslovacchia e 3 con la Germania). Ha giocato 197 partite col risultato complessivo di +80 =91 –26 (63,7 %). Ha vinto tre medaglie: una d'argento e una di bronzo individuali e una d'argento di squadra.

Zonali e Interzonali[modifica | modifica sorgente]

Hort a partecipato a diversi zonali e interzonali, raggiungendo la fase degli incontri dei candidati nel 1977, in cui giocò al primo turno contro l'ex campione del mondo Boris Spassky. Nel corso della partita Spassky si ammalò e si avvalse della facoltà di rinviare per qualche giorno il gioco, ma poi non ebbe più giornate libere. A questo punto Hort fece un gesto di grande sportività concedendo a Spassky alcune delle proprie giornate libere per poter rimettersi in salute. Nella quindicesima decisiva partita Hort aveva una posizione vincente ma si dimenticò dell'orologio e perse per il tempo. L'incontro terminò 8,5 - 7,5 a favore di Spassky.

Al termine dell'incontro, il 23 aprile Hort tenne a Seltjarnes, località nei pressi di Reykjavik, una simultanea che era prevista su 201 scacchiere, ma poi per ogni partita terminata si aggiunsero altri partecipanti, fino a raggiungere le 550 partite. La simultanea durò circa 24 ore, col risultato (+ 477 = 63 – 10). Seppure non ufficializzato, rimane a tutt'oggi un primato per le partite in simultanea. Hort dichiarò in seguito che aveva tenuto questa mega-simultanea per archiviare mentalmente il risultato negativo della partita con Spassky.

Nell'interzonale di Sousse del 1967 Bobby Fischer era in testa alla classifica, ma si ritirò per una polemica con gli organizzatori, perdendo per forfait la partita in programma con Hort. Questo permise a Hort di arrivare 6°-8° con Reshevsky e Stein, ma dopo uno spareggio a tre solo Reshevsky fu ammesso al torneo dei candidati.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 42425263 LCCN: n90637067