HMS Emperor of India

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Emperor of India
La Emperor of India al largo di Giaffa nel 1920
La Emperor of India al largo di Giaffa nel 1920
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Nave da battaglia
Classe Iron Duke
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Ordinata 1911
Costruttori Vickers Limited
Cantiere Barrow-in-Furness
Impostata 31 maggio 1912
Varata 27 novembre 1913
Entrata in servizio 10 novembre 1914
Radiata 1931
Destino finale Affondata come bersaglio il 1º settembre 1931. Recuperata nel 1932 e venduta per la demolizione
Caratteristiche generali
Lunghezza 189, 81 m
Larghezza 27 m
Pescaggio 9,98 m
Propulsione 18 caldaie Babcock & Wilcox o Yarrow
4 Turbine Parsons
Quattro assi
Quattro eliche
29.000 Hp
Velocità 21,25 nodi  (39,36 km/h)
Autonomia 14.000 mn a 10 nodi (25.930 km a 19 km/h)
Equipaggio 925
Armamento
Armamento
  • 10 cannoni da 342,9 mm in torrette binate
  • 12 cannoni da 152,4 mm in casematte singole
  • 2 cannoni da 76 mm antiaerei singoli
  • 4 tubi lanciasiluri da 533 mm sommersi

[senza fonte]

voci di navi da battaglia presenti su Wikipedia

La HMS Emperor of India, prima nave da guerra britannica a portare questo nome, è stata una nave da battaglia classe Iron Duke della Royal Navy. Inizialmente era previsto che la nave si chiamasse HMS Delhi ma il nome venne modificato solo un mese prima del varo[1] in onore di Giorgio V, imperatore dell'India. Venne impostata il 31 maggio 1912 nei cantieri Vickers di Barrow-in-Furness, varata il 27 novembre 1913 ed entrò in servizio il 10 novembre 1914, dopo lo scoppio della prima guerra mondiale.

Servizio[modifica | modifica sorgente]

Al momento dell'ingresso in servizio la Emperor of India venne assegnata al 1º Squadrone da Battaglia della Grand Fleet con base a Scapa Flow. In seguito venne trasferita nel 4º Squadrone da Battaglia divenendo l'Ammiraglia del Contrammiraglio Alexander Ludovic Duff. Il Re visitò la nave durante la sua ispezione della flotta a Scapa Flow nel luglio 1915.

Non partecipò alla battaglia dello Jutland nel 1916 in quanto si trovava in cantiere al momento dell'uscita della Hochseeflotte tedesca dalle sue basi. In sua assenza l'ammiraglia dello Squadrone fu la Superb. Nel 1917 rimpiazzò la sorella Marlborough come seconda ammiraglia del 1º Squadrone da Battaglia.

Nel novembre 1918 presenziò alla resa della flotta tedesca e rimase in servizio anche nel dopoguerra, venendo assegnata alla Mediterranean Fleet nel 1919.

Venne radiata dal servizio attivo nel 1929 e affondata come nave bersaglio il 1º settembre 1931. L'anno successivo venne recuperata e venduta per essere demolita il 6 febbraio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Colledge, op. cit., p. 128

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Colledge JJ, Ships of the Royal Navy. The complete record of all fighting ships of the Royal Navy from 15th century to the present, a cura di Ben Warlow, Philadelphia & Newbury, Casemate, 2010, ISBN 978-1-935149-07-1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina