HAL 9000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HAL 9000
L'"occhio" di HAL 9000.
L'"occhio" di HAL 9000.
Lingua orig. Inglese
Soprannome HAL
Autore Stanley Kubrick
1ª app. 2001: Odissea nello spazio
Interpretato da Douglas Rain[1]
Voce italiana Gianfranco Bellini
Specie Intelligenza artificiale
Luogo di nascita Urbana (Stati Uniti)
Data di nascita 12 gennaio 1992[2]
Professione Computer di bordo della Discovery 1
Abilità Capacità teorica di non commettere errori di calcolo[3]
Capacità di provare emozioni[4]
Capacità di comprendere il linguaggio labiale[5]
Elevatissima intelligenza

HAL 9000 è il supercomputer di bordo della nave spaziale Discovery nel film 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick.

Il suo nome è l'acronimo per Heuristic ALgorithmic" ("euristico algoritmico").

Il personaggio[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« My mind is going. There is no question about it. I can feel it. I can feel it. I can feel it.
I'm afraid. »
(IT)
« La mia mente sta svanendo. Non c'è alcun dubbio. Lo sento. Lo sento. Lo sento.
Ho paura. »
(HAL 9000)

Secondo il film, HAL 9000 entra in funzione alle "Officine HAL" di Urbana, Illinois, il 12 gennaio 1992, ed è dotato di intelligenza artificiale che gli consente di governare l'astronave "Discovery 1", per condurla durante la missione spaziale.

HAL 9000 appare anche nel film 2010 - L'anno del contatto diretto Peter Hyams, tratto dal romanzo 2010: Odissea due di Arthur C. Clarke.

In entrambi i film la voce è dall'attore britannico Douglas Rain, doppiato per la versione italiana di 2001 dall'attore palermitano Gianfranco Bellini, dall'inconfondibile timbro che ben rende l'idea di un'intelligenza artificiale; per quella di 2010 dall'attore Renato Cortesi, più consono all'idioma da maggiordomo della voce originale di Rain.

Il mistero del malfunzionamento di HAL[modifica | modifica sorgente]

HAL, macchina "incapace di commettere errore" ne commette proprio uno nel prevedere il guasto all'elemento AE-35 dell'antenna principale della Discovery, diventando improvvisamente inaffidabile per l'equipaggio ed il controllo missione sulla Terra. Temendo di venire disinserito tenta di eliminare l'intero equipaggio. Come ben descritto nel romanzo di Clarke 2001, per motivi di segretezza e per non sottoporre a stress i comandanti Bowman e Poole, HAL e i membri in animazione sospesa sono i soli al corrente del vero scopo della missione, ovvero indagare su una trasmissione aliena diretta verso l'orbita di Giove. Tuttavia HAL non è stato istruito sul motivo della reticenza e dunque la sua mente entra in un conflitto tra le priorità della salvaguardia della missione e quella degli astronauti. Mentre HAL tenta di far trapelare qualche indizio a Bowman, avverte un guasto all'antenna principale. Il conflitto si "somatizza" proprio sul collegamento tra la nave ed il controllo a Terra. In 2010 il dottor Chandra denuncia un'intromissione della Casa Bianca nelle direttive impartite al computer, ignorando la sua incapacità di dissimulazione al contrario di "persone abituate a mentire molto facilmente".

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

HAL è il diminutivo del nome inglese Henry. Alcuni ne hanno attribuito l'origine a un gioco di parole con il nome della IBM, all'epoca la più nota azienda costruttrice di computer. Infatti applicando il cifrario di Cesare con uno spostamento di una lettera (invece di tre come in quello di Cesare) alle tre lettere H-A-L risultano le lettere I-B-M. Arthur C. Clarke ha, tuttavia, smentito tale ipotesi in una intervista, sostenendo che ormai tutti sanno che HAL è derivato da Heuristic ALgorithmic".[6][7] È dunque scelto come omaggio ai due principali metodi con cui il pensiero umano si manifesta: il procedimento euristico ("H"euristic) e quello algoritmico ("AL"gorithmic); il primo è basato sull'intuizione prima del ragionamento, il secondo basato sul metodo che ci porta in modo sequenziale, procedurale, alla soluzione di un problema.

Nella versione francese il nome di HAL diventa CARL, acronimo di Cerveau Analytique de Recherche et de Liaison, ovvero "Cervello Analitico per Ricerca e Comunicazione".

Citazioni e omaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Nell'episodio del cartone animato Futurama intitolato Amore e razzi la navetta spaziale Planet Express è governata da un computer dotato di pannello ed occhio chiaramente ispirati a quelli di HAL 9000.
  • Nel film Wall-e il computer AUTO, che governa la nave spaziale Axiom, è dotato di un occhio elettronico uguale a quello di HAL 9000 e, come HAL, si ribella agli ordini del capitano della nave.
  • Nel film Cattivissimo me l'occhio elettronico dei BiscoRobots è molto simile a quello di HAL 9000.
  • Nel film Megamind l'occhio elettronico dei Robot Cervelli, assistenti di Megamind, è anch'esso ispirato a quello di HAL 9000.
  • Nell'episodio Sosta Forzata (Dead Stop) della Prima Stagione della serie televisiva Star Trek: Enterprise l'astronave del Capitano Archer attracca ad una stazione spaziale automatizzata, controllata da un computer centrale, la cui personalità fredda e spietata ricorda quella di Hal 9000.
  • Nell'episodio della sit-com televisiva Camera Café intitolata 2008: Odissea nell'ufficio la macchinetta del caffè ha un look molto simile ad HAL 9000.
  • Nel gioco per PlayStation Metal Gear Solid, se si finisce il gioco con Otacon, Snake ad un certo punto del finale dice, riferendosi ai loro veri nomi: "Hal e Dave? questa è buona! Forse dovremmo fare un giretto su Giove...".
  • L'assistente vocale in lingua italiana Siri Apple del sistema operativo iOS6 contiene diversi riferimenti ad HAL 9000 e, tra l'altro, dichiara "Utilizzo le mie capacità nel modo più completo, il che, io credo, è il massimo che qualsiasi entità cosciente possa mai sperare di fare".
  • Viene inserito come personaggio/capo di tutti i computer nel video Steve Jobs vs Bill Gates. Epic Rap Battles of History Season 2. Nel video Steve Jobs e Bill Gates si mettono a confronto in una battaglia rap per determinare il miglior produttore e alla fine HAL 9000 spiega che è lui che controlla tutti i computer del mondo.
  • Nel film Oblivion all'interno del Tet, Sally viene rappresentato come un monolito piramidale con al centro un orifizio oculare simile a HAL 9000.
  • In Portal e Portal 2, i popolari videogiochi della Valve, GLaDOS, il supercomputer malvagio che perseguita la protagonista, è ispirato ad HAL 9000.
  • Nel fumetto PKNA - Paperinik New Adventures numero 48 Le parti e il tutto, il droide contenente il software dell'intelligenza artificiale Due durante l'ultima fase della sua "destrutturazione" esclama "Oggi padron Ducklair mi ha insegnato una filastrocca: volete sentirla?", chiaro riferimento alle ultime parole di HAL 9000.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La voce di Douglas Rain
  2. ^ Nel suo caso, è da considerare la data dell'entrata in funzione
  3. ^ Capacità che poi, contro ogni previsione, si rivelerà errata
  4. ^ Mentre David si appresta ad "ucciderlo", HAL, dichiara di aver paura
  5. ^ Grazie alla quale HAL scoprirà che David e Frank voglio disinserirlo
  6. ^ Dr. David G. Stork, Dawn of HAL: History of Artificial Intelligence - Dr. Arthur C. Clarke Interview in 2001: HAL's Legacy Web site, PBS. URL consultato il 10 maggio 2007.
  7. ^ What do the letters HAL stand for and is there a connection with IBM? in The Kubrick FAQ. URL consultato il 12 maggio 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]