Gioacchino Cocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gioacchino Cocchi (Padova - o Napoli, secondo Gerber -, 1715 circa[1]Venezia, 1804) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Maestro di coro al Ospedale degli Incurabili a Venezia, nacque a Padova nel 1720. La sua prima opera, intitolata Adelaide, fu rappresentata a Roma nel 1743. Nel 1750 Cocchi era a Napoli dove ottenne successi con più opere. Fu poco tempo dopo quest'epoca che si recò a Venezia per prender possesso del posto di maestro di coro. Nel 1757 partì per l'Inghilterra, e vi fece rappresentare diverse opere, ma, non essendo riuscito a far gustare la sua musica, si dedicò, per quindici anni all'insegnamento del canto, cosa che gli consentì di accumulare ricchezze notevoli. Pubblicò a Londra anche due suite di pezzi per clavicembalo, ouverture e cantate. Nel 1773 tornò a Venezia e vi riprese le sue funzioni di maestro di coro al conservatorio, morendo in questa città, nel 1804.

Considerazioni sull'artista[modifica | modifica sorgente]

Sebbene questo compositore sia stato in voga per qualche tempo in Italia, soprattutto per il genere buffo e nonostante lo si sia paragonato addirittura a Galuppi, le sue opere denotano una scarsa inventiva, e si fanno notare più che altro per una certa chiarezza del suo stile ed un brio abbastanza naturale.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Tra parentesi il nome del librettista, il luogo e l'anno della prima rappresentazione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 1720 ca. secondo Fétis.