Gemelle Nete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gemelle Nete
Paese d'origine Italia Italia
Genere Canzone popolare
Periodo di attività ?-1989
Album pubblicati 2
Studio 2

Le Gemelle Nete è stato un gruppo musicale italiano di musica popolare composto dalle gemelle Anna (11 dicembre 1911 - 22 gennaio 2002) e Domenica Costamagna (11 dicembre 1911 - 1989).

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Originarie di Trinità, in provincia di Cuneo, nate nel 1911, iniziarono a svolgere il lavoro di sarte e ricamatrici nel paese natale per poi apprendere la musica da autodidatte, Neta (Anna) con la chitarra e China (Domenica) con il mandolino.

Per oltre quarant'anni hanno cantato le canzoni popolari dell'Italia delle mondine e del boom economico.

Nel 1980 vengono scoperte e lanciate da Carlin Petrini, che le porta al Club Tenco, che le ospita in quell'edizione; Francesco Guccini, anch'egli ospite della manifestazione, le segnala a Renzo Arbore che le chiama per la sua trasmissione televisiva del 1981, Telepatria International (con Roberto Benigni, Paolo Villaggio, Carlo Verdone e Luciano De Crescenzo).

L'anno successivo Arbore le chiama nuovamente per Cari amici vicini e lontani, programma sulla storia della radio, in cui le Gemelle interpretano la sigla finale del programma, il successo del Quartetto Cetra Un bacio a mezzanotte (scritto da Gorni Kramer e Garinei e Giovannini); la canzone è anche presente nell'album Cari amici vicini e lontani, pubblicato dalla Fonit Cetra.

Nel 2001 è stato pubblicato un libro sulla loro attività artistica con interventi di Renzo Arbore, Aldo Grasso, Michele Serra e tanti altri autori [1].

China è morta nel 1989. Neta ha continuato la sua attività artistica con altri gruppi popolari, ed è morta nel 2002[2].

Per ricordare le due sorelle il loro paese natale, Trinità, organizza ogni anno il Gemelle Nete Pride[3], con la partecipazione di molti artisti.

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

33 giri[modifica | modifica sorgente]

CD[modifica | modifica sorgente]

Alcuni dei loro pezzi più famosi sono:

  • Amor di pastorello
  • Balocchi e profumi
  • Canti nuovi
  • Creola
  • Donna
  • La piccola fioraia
  • Ladra
  • Meglio sarebbe
  • Miniera
  • Nina panca
  • Sogni d'oro
  • Stornelli campagnoli
  • Tic e tic, tac e tac (Gira, rigira biondina)
  • Un bacio a mezzanotte

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, editore Armando Curcio (1990); alla voce Nete, Gemelle di Antonio Virgilio Savona e Michele L. Straniero, pagg. 1187-1188
  • Piero Dadone, Intervista con la gemella Neta, edizioni Primalpe, Cuneo, 2001
  • Marita Rosa, All'ombra di Gaia. Romanzo con figure: le gemelle Nete, Ed. Ass. Primalpe Costanzo Martini, 2010, pagg 190.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tace la chitarra dell'ultima gemella Neta
  2. ^ Addio a Anna Costamagna, la sopravvissuta delle Gemelle Nete
  3. ^ Un successo strepitoso quello di ieri sera a Trinità per il "Gemelle Nete Pride"

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]