Gabor Szabo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gabor Szabo
Nazionalità Ungheria Ungheria
Genere Rock
Pop rock
Jazz
Periodo di attività 1961-1982
Strumento chitarra
Etichetta Skye, Impulse!, CTI
Album pubblicati 29

Gabor Szabo (Budapest, 8 marzo 193626 febbraio 1982) è stato un chitarrista ungherese apprezzato soprattutto per la sua capacità di fondere svariati stili musicali quali il jazz, il pop-rock e la musica tradizionale dell'Ungheria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gabor Szabò è nato a Budapest ed iniziò a suonare la chitarra all'età di 14 anni, affascinato dalla musica jazz. Nel 1956 lasciò l'Ungheria per recarsi negli Stati Uniti, dove frequenta la Berklee School of Music di Boston. Nel 1958 viene invitato al Newport Jazz Festival e dal 1961 al 1965 milita nel quintetto di Chico Hamilton.

Sul finire degli anni 60 fu il cofondatore della Skye Records assieme a Cal Tjader e Gary McFarland. Con questa etichetta inciderà anche vari album. Durante la sua carriera solista collabora con numerosi artisti tra i quali Paul Desmond, Lena Horne, Ron Carter e Bobby Womack. Da ricordare anche la sua "Gypsy Queen", inserita dai Santana nell'album Abraxas del 1970, divenuta una vera e propria hit assieme a "Black Magic Woman".

Nella sua musica sono riscontrabili anche numerosi elementi di musica folk Ungherese e del rock grazie all'utilizzo del feedback. Nonostante il suo stile caratteristico non venne mai accettato completamente dagli altri artisti jazz statunitensi. Un episodio da ricordare è quello accaduto nel 1977 durante un'esibizione al Catamaran Hotel di San Diego, dove Gabor si lamentò con il pubblico riguardo al successo di George Benson con la canzone "Breezin'". Affermò di aver registrato quest'ultima prima di Benson, che invece l'avrebbe soltanto copiata. La sua versione (composta da Bobby Womack), si trova nell'album High Contrast del 1971.

Morì a Budapest nel 1982 in seguito a numerose malattie ai reni e al fegato, durante una visita in patria.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1966 - Gipsy '66 (Impulse! Records)
  • 1966 - Spellbinder (Impulse! Records)
  • 1966 - Jazz Raga (Impulse! Records)
  • 1966 - Simpatico
  • 1967 - Wind, Sky and Diamonds (Impulse! Records)
  • 1967 - The Sorcerer (Impulse! Records)
  • 1967 - More Sorcery (Impulse! Records)
  • 1968 - Bacchanal (Skye Records)
  • 1968 - Dreams (Skye Records)
  • 1968 - Gabor Szabo (Skye Records)
  • 1969 - 1969 (Skye Records)
  • 1970 - Magical Connection (Blue Thumb Records)
  • 1971 - High Contrast (Blue Thumb Records)
  • 1972 - Mizrab (CTI Records)
  • 1974 - Rambler (CTI Records)
  • 1975 - Macho (CTI Records)
  • 1976 - Nightflight (Mercury Records)
  • 1977 - Faces (Mercury Records)
  • 1979 - Femme Fatale (Pepita International, Mambo Records)
  • 1979 - Gabor Szabo Quartet in Montreux, Switzerland
  • 1980 - Gabor Szabo Quartet: Live in rehearsal at Heatherside Studios, California
  • 1981 - Pulzus: Gábor Szabó
  • 1982 - Memorabilia (MCA Records)
  • 1990 - The Szabó Equation: Jazz / Mysticism / Exotica
  • 1998 - Cuban Nights
  • 1998 - Latin Lounge
  • 1999 - Latin Jazz for Lovers
  • 2001 - Gábor Szabó in Stockholm
  • 2004 - Carlos Santana Influences

Controllo di autorità VIAF: 37103536 LCCN: n93010413