Ephippiorhynchus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ephippiorhynchus
Saddle Billed Stork.jpg
Ephippiorhynchus senegalensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Ordine Ciconiiformes
Famiglia Ciconiidae
Genere Ephippiorhynchus
Bonaparte, 1855

Ephippiorhynchus è un genere della famiglia dei Ciconiidi. Il nome del genere deriva dal greco antico ephippos, "sella" (letteralmente "cosa posta su un cavallo"), e rhynchus, "becco", e si riferisce allo scudo frontale posto a mo' di sella sul becco di una delle due specie.

Specie[modifica | modifica sorgente]

Comprende due specie:

I resti di un loro parente preistorico, Ephippiorhynchus pakistanensis, sono stati ritrovati in depositi del Tardo Miocene del Pakistan. All'incirca nello stesso periodo, un'altra specie ora estinta viveva nell'Africa orientale e centrale.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

I becchi a sella sono uccelli molto grandi, alti più di 140 cm e con un'apertura alare di 230–270 cm. Entrambe le specie sono quasi tutte di colore bianco e nero, con enormi becchi rossi e neri. I sessi sono simili nel piumaggio, ma si differenziano per il colore degli occhi. I membri del genere vengono talvolta detti "jabiru", ma questo nome si riferisce più propriamente a un loro stretto parente dell'America Latina.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Questi grossi uccelli nidificano nelle paludi e in altre zone umide, costruendo un grosso nido sugli alberi. Come quasi tutte le cicogne, volano tenendo il collo disteso e non ripiegato all'indietro come gli aironi; in volo, tengono la testa e il becco rivolti verso il basso e questa particolarità dà loro un aspetto piuttosto insolito. Tranne che per i saluti di richiamo fatti sbattendo il becco, sono uccelli particolarmente silenziosi.

I becchi a sella, come i loro parenti, si nutrono soprattutto di pesci, rane e di granchi, ma anche di giovani uccelli e di altri vertebrati terricoli. Quando sono in cerca di cibo si muovono lentamente e maestosamente, in maniera simile a un grosso airone.

Questi uccelli vengono frequentemente allevati negli zoo, dai quali talvolta fuggono. È stato ipotizzato che proprio tali esemplari siano all'origine della leggenda del Kongamato, una creatura fantastica dall'aspetto simile a quello di uno pterosauro.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Ephippiorhynchus in Avibase - il database degli uccelli nel mondo, Bird Studies Canada.
uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli