Donato Lovreglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Donato Lovreglio (Bari, 6 dicembre 1841Napoli, 1907) è stato un flautista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nativo di Bari, Lovreglio si trasferì a Napoli, dove si dedicò al flauto e al clarinetto e introdusse in Italia il flauto di Böhm. Con la moglie, la pianista Adelina Castelli, formò un duo molto stimato. Fu molto attivo come compositore di variazioni di bravura su temi d'opera. Tra queste, le Fantasie per clarinetto e orchestra tratte da varie opere, La Traviata, il Simon Boccanegra, Don Carlo e Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, di Maria Stuarda di Gaetano Donizetti e della Norma di Giuseppe Bellini. Morì a Napoli nel maggio del 1907.

Suo nipote è il compositore Eleuterio Lovreglio (Napoli, 1970 - Nizza, 1972).

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • L'eco di Napoli, composizione originale per ottavino e pianoforte