Don Zauker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don Zauker
DZ trequarti.jpg
Lingua orig. Italiano
Autori
Editore Mario Cardinali Editore S.r.l.
1ª app. 2003
1ª app. in Il Vernacoliere
Sesso Maschio
Abilità
  • Dotato di tutte le qualità dell'avanzo di galera tra cui l'uso della pistola e della violenza in generale
  • Timore che incute alla gente per il suo status di esorcista
Don Zauker
fumetto
Autori
Editore Mario Cardinali Editore S.r.l.
1ª edizione 2003

Don Zauker è una serie a fumetti scritta da Emiliano Pagani e disegnata da Daniele Caluri (conosciuti anche come Paguri), pubblicata con cadenza mensile su Il Vernacoliere fino a novembre 2011[1].

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Don Zauker è un immaginario falso prete esorcista[2], sboccato, dal fisico palestrato e tatuato, pornofilo, donnaiolo, drogato, omofobo, razzista e per nulla vicino alle posizioni ufficiali della Chiesa cattolica. Il nome di Don Zauker deriva dall'omonimo antagonista della serie Daitarn 3, il capo dei cattivi, a sottolineare subito il carattere del personaggio:

« Don Zauker è arrogante, manesco, ignorantissimo, egoista, bugiardo; è l’incarnazione dei peggiori vizi dell’uomo e non fa assolutamente niente per nasconderlo. »
(Emiliano Pagani[3])

Le fattezze fisiche e qualche battuta (se un uomo con il crocifisso incontra un uomo con la pistola, l'uomo con il crocifisso è un uomo morto) invece, ricordano da vicino quelle di Clint Eastwood e dei duri del cinema d'azione.

Secondo il fumetto, Don Zauker è nato a Dzez-Kazan, un piccolo villaggio nei pressi della steppa del Kazakistan. Ha trascorso l'infanzia in Germania collezionando alcune presenze nelle giovanili del Karl Zeiss Jena[4]; nel 1953 venne registrato al porto di Livorno come unico passeggero dello Spirit of Whitby, ed infine chiese di essere assunto come esorcista in Vaticano allegando alla domanda di assunzione le referenze scritte da Rasputin e Bokassa. Avrebbe "lasciato il segno un po' ovunque dall'Uzbekistan all'Amazzonia".

Sempre secondo la storia immaginaria, nei primi anni del suo soggiorno in Italia Don Zauker riuscì ad arrivare a Pietrelcina. Venuto in possesso di diverse lettere composte da un eminente prelato riguardanti le attività di Padre Pio, Don Zauker studiò le attività del frate di Pietrelcina usandole come pietra di paragone per creare la sua immagine pubblica di sant'uomo, mistico e devoto.[5]

Caratteristiche particolari[modifica | modifica wikitesto]

La pistola di Don Zauker è una Luger P08 che porta sempre sotto la tunica (chiaro riferimento alla sua militanza nella Gioventù hitleriana durante il nazionalsocialismo, visto che la Luger era l'arma di ordinanza degli ufficiali tedeschi durante la II Guerra Mondiale).

Ha battuto 15 a 1 in una partita di calcetto tenutasi negli appartamenti papali di Benedetto XVI[chi ha battuto ?]con cui aveva un conto in sospeso per una partita svoltasi nell'estate del 1941 fra membri della Gioventù hitleriana e dobermann contro ebrei, zingari, storpi, handicappati, beduini, comunisti e finocchi).

Le tribù nomadi Dell'Uzbekistan lo hanno soprannominato "Il Lupo della steppa".

Gli Indios della foresta amazzonica si riferiscono a lui con l'appellativo di "PAQUE-TOCH-SIACHT-NAMPUR" ovvero "lo spirito venuto da lontano a trombarci le mogli".

Pubblicazioni e spettacoli[modifica | modifica wikitesto]

Don Zauker, su testi di Emiliano Pagani, è una summa di satira acida a tutto campo e di anticattolicesimo (sentimento largamente condiviso da Caluri che non ne fa mistero). Una raccolta delle puntate pubblicate del fumetto di Don Zauker (più una inedita) è stata presentata in anteprima nel corso di Lucca Comics 2006.

Nel 2008 per l'editore Clair de Lune il fumetto (con il nome di Dom Zauker, Exorciste) è stato pubblicato anche in Francia.

Durante la tradizionale festa organizzata a Livorno dalla rivista i due autori hanno realizzato uno spettacolo, in collaborazione con la compagnia teatrale I Licaoni, il "Don Zauker Talk Show", replicato durante l'edizione di Lucca Comics 2006, in seguito riproposto in diverse località.

Albi e raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Le raccolte sono due, sono pubblicate da Il Vernacoliere e contengono principalmente strisce già edite sullo stesso mensile: i titoli sono "Don Zauker esorcista" e "Don Zauker esorcista - Secondo avvento". Nel 2011 è stato pubblicato il volume "Don Zauker: Operette morali", che raccoglie tutte le striscia già pubblicate e altro materiale inedito ad opera degli stessi autori.

Gli albi invece presentano storie lunghe inedite e sono pubblicati dalla Double Shot: "Don Zauker - Santo Subito" e "Don Zauker - Inferno e Paradiso". Quest'ultimo presenta una storia liberamente ispirata alla figura di Athanase Seromba, prete e criminale di guerra ruandese.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

La serie Don Zauker esorcista ha vinto nel 2007 il Premio Micheluzzi[6] nelle seguenti categorie:

  • "Migliore Disegno per una Serie Umoristica" (Daniele Caluri)
  • "Migliore Sceneggiatura per una Serie Umoristica" per l'episodio "Brasil" (Emiliano Pagani)
  • "Migliore Serie Umoristica" (Emiliano Pagani e Daniele Caluri)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nozze d’argento | Don Zauker
  2. ^ Emiliano Pagani & Daniele Caluri, Don Zauker - Santo Subito, Double Shot, 2009.
  3. ^ Don Zauker. URL consultato il 16-07-2010.
  4. ^ Da Don Zauker, esorcista, Episodio XII "Il Verbo di Dio"
  5. ^ Don Zauker: Santo Subito, Editore Double Shot, Novembre 2009
  6. ^ Premi Micheluzzi 2007, Comicon.it. URL consultato il 12-11-2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti