Dominique Voynet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dominique Voynet

Dominique Voynet (Montbéliard, 4 novembre 1958) è una politica francese, appartenente al partito dei Verdi di cui è stata co-fondatrice nel 1984. Laureata in medicina e specializzata in anestesia e rianimazione, ha due figlie.

Leader dei verdi di Besançon nel 1985, viene eletta al Parlamento europeo nel 1989. Abbandona il seggio parlamentare nel 1991 per assumere la carica di portavoce nazionale dei Verdi. Nel 1992 viene eletta consigliere regionale della Franca Contea, carica che lascia nel 1994 per dedicarsi alla campagna presidenziale dell'anno successivo nella quale ottiene 1.010.738 voti (3,31%) in rappresentanza di un'alleanza "a sinistra della sinistra" comprendente, oltre al suo partito, l'AREV (erede del Parti socialiste unifié) e la Convention pour une alternative progressiste.

Nel 1997 viene eletta deputata in una circoscrizione dello Giura ed entra a far parte del governo di Lionel Jospin come Ministro dell'ambiente e del territorio (Ministre de l'Aménagement du Territoire et de l'Environnement), carica che conserva sono alle dimissioni presentate nel 2001.

Come segretario nazionale dei Verdi, sostiene alla campagna per le elezioni presidenziali del 2002 il candidato del partito Noël Mamère, che supera per la prima volta la soglia del 5% (1.495.673 voti pari al 5,24%). Perde però il suo seggio alle elezioni amministrative del 2002 e nel gennaio 2003 viene sostituita da Gilles Lemaire alla segreteria nazionale.

Nel 2004 viene eletta senatrice per la regione Senna-Saint-Denis[1]

È stata candidata all'Eliseo nelle elezioni presidenziali del 2007 dove ha ottenuto al primo turno 576.666 voti (1,57%), venendo esclusa dal successivo ballottaggio.[2]

Nel 2008 si candida a sindaco di Montreuil, comune della periferia di Parigi storicamente governato dal Partito Comunista, sfidando il sindaco in carica, il comunista Jean-Pierre Brard. Appoggiata da una lista con ecologisti, socialisti dissidenti e personalità esterne ai partiti, riesce dapprima un po' a sorpresa a costringere Brard al ballottaggio, e vince poi al secondo turno con il 54% dei voti.

Contraria al cumulo di cariche, non si ricandida al Senato nel 2011.

Nel 2012 è insignita della Legion d'onore, indicata dalla ministra dell'Ambiente, l'ecologista Cécile Duflot.

Alla fine del 2013 annuncia che non si ricandiderà sindaco di Montreuil, contestando il comportamento dei suoi oppositori di sinistra e in generale denunciando una degradazione della vita politica, facendo allusione al comportamento del Partito Socialista locale che punterebbe a presentare comunque un proprio candidato a sindaco.[3]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda sul sito del Senato francese..
  2. ^ Fonte: Ratifica ufficiale del Consiglio Costituzionale francese
  3. ^ http://tempsreel.nouvelobs.com/elections-municipales-2014/20131125.OBS6900/dominique-voynet-pas-candidate-a-sa-reelection-a-montreuil.html Articolo sul Nouvel Observateur

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64152164 LCCN: no99081827