Dipartimento di Canindeyú

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dipartimento di Canindeyú
dipartimento
Departamento de Canindeyú
Dipartimento di Canindeyú – Bandiera
Localizzazione
Stato Paraguay Paraguay
Amministrazione
Capoluogo Salto del Guairá
Territorio
Coordinate
del capoluogo
24°03′31.82″S 54°18′26.68″W / 24.058839°S 54.307412°W-24.058839; -54.307412 (Dipartimento di Canindeyú)Coordinate: 24°03′31.82″S 54°18′26.68″W / 24.058839°S 54.307412°W-24.058839; -54.307412 (Dipartimento di Canindeyú)
Superficie 14 667 km²
Abitanti 191 447[1] (cens. 2012)
Densità 13,05 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC-4
ISO 3166-2 PY-14
Cartografia

Dipartimento di Canindeyú – Localizzazione

Il Dipartimento di Canindeyú è il quattordicesimo[2] dipartimento del Paraguay, situato nella parte orientale del paese. Il capoluogo è la città di Salto del Guairá.

Divisione politica[modifica | modifica wikitesto]

Il dipartimento è diviso in 10 distretti:

Distretto km²[3] Abitanti (2002)[1]
Corpus Christi 1.821 13.303
Curuguaty 524 57.387
General Francisco Caballero Álvarez 1.043 8.884
Itanará 920 2.076
Katueté 816 7.489
La Paloma 728 6.373
Nueva Esperanza 1.342 9.951
Salto del Guairá 1.382 11.298
Villa Ygatimí 1.898 17.483
Yasy Cañy[4]
Ypejhú 956 5.893

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il dipartimento confina a nord con il dipartimento di Amambay e con il Brasile, a est con il Brasile, a sud con i dipartimenti di Caaguazú e dell'Alto Paraná e a ovest con il dipartimento di San Pedro.

Il territorio è attraversato dalle cordilleras di Amambay e di Mbaracayu che ne delimitano il confine col Brasile. È inoltre solcato da numerosi affluenti del Paraná. [2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del dipartimento di Canindeyú fu abitato per secoli da alcune tribù di etnia guaraní; dopo la conquista spagnola, tuttavia, la zona rimase poco popolata a causa delle frequenti incursioni dei bandeirantes paulisti. Durante il XIX secolo la conca del fiume Jejuí cominciò ad essere sfruttata per la coltivazione dell'erba mate, ma solo dopo la Guerra del Chaco i grandi possidenti cominciarono a vendere i loro appezzamenti permettendo lo sviluppo demografico del territorio.[5]

La legge n° 406 del dicembre 1973 creò il dipartimento di Canendiyú, il cui nome fu poi corretto in Canindeyú da una legge nazionale, riparando ad un errore toponomastico.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del dipartimento deriva, a seconda delle versioni, da quello di un cacique che comandava nella zona oppure dal nome in lingua guaraní di un'ara dal piumaggio giallognolo che vive nel territorio.[2]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima del dipartimento è gradevole, la temperatura media si attesta intorno ai 21 °C. Le precipitazioni sono abbondanti (soprattutto nella parte settentrionale) ma distribuite nel corso dell'anno. [2]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il dipartimento di Canindeyú è il primo produttore del paese di caffè, il secondo produttore di tabacco ed il terzo di soia e mais. In misura minore sono coltivati anche grano, manioca, cotone e girasole. Sviluppato anche l'allevamento di bovini.

Un tempo il territorio era ampiamente ricoperto di boschi. Nel periodo dal 1884 al 1991 ha però subito una drastica deforestazione. Le segherie occupano ancora un ruolo importante nell'economia del territorio.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (ES) Dati del censimento 2012 forniti dal DGEEC - La Dirección General de Estadística, Encuestas y Censos (PDF). URL consultato il 20 novembre 2010.
  2. ^ a b c d (ES) Archivio Abc Digital. URL consultato il 20 novembre 2010.
  3. ^ (ES) ADEPO - Asociación Paraguaya de Estudios de Población - Territorio y Población (zip). URL consultato il 20 novembre 2010.
  4. ^ Distretto creato con legge 2005 del 2002. (ES) Justia Paraguay. URL consultato il 17 dicembre 2010.
  5. ^ a b (ES) Ministerio de Educación y Cultura del Paraguay. URL consultato il 20 novembre 2010.