Aché

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aché
Aché
Uomo Aché intento a mirare una freccia verso l'alto
Nomi alternativi Guayakí, Axe
Luogo d'origine Praguay
Popolazione 1,500 (nel 2006)[1]
Lingua spagnolo, Aché
Religione Religione tradizionale tribale

Gli Aché (/ɑːˈtʃeɪ/ ah-chay) sono una tribù di cacciatori-raccoglitori che vive nel Paraguay orientale. Dai primi resoconti gesuiti del XVII secolo fino ai contatti pacifici del XX secolo, gli Aché erano descritti come nomadi cacciatori-raccoglitori che vivevano in piccole bande e dipendevano interamente dalle risorse della foresta. Sono noti anche col nome di "Guayakí" grazie alla ricerca sul campo dell'antropologo Pierre Clastres.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel XX secolo furono contattate e pacificate quattro differenti popoli etno-linguistici di Aché, quali: gli Aché settentrionali, gli Yvytyruzu Aché, gli Ypety Aché e gli Ñacunday Aché. Ognuna di queste popolazioni fu un gruppo endogamo dialettale, consistente di bande stanziali multiple e con nessuna interazione pacifica tra di loro.

Gli Aché hanno sofferto i ripetuti abusi delle coloni rurali paraguaiani, dei rancher, e dei grandi proprietari terrieri dalla conquista sino al XX secolo. Gli Aché settentrionali popolavano un territorio di ventimila chilometri quadrati, e furono confinati in due riserve di poco più di 50 chilometri quadrati.

Gli Kuetuvy Aché furono cacciati dalla regione di Mbaracayu negli anni settanta, ma sono riusciti a tornare nel 2000.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Gli Aché, conosciuti anche come popolo Axe, fu chiamato anche Guaiaqui, Guayakí, Guayaki-Ache, e Guoyagui dai parlanti Guaraní e dai primi antropologi, sebbene questo termine sia dispregiativo.

I primi rapporti pubblicati (Lozano 1873-74 riassunto dei resoconti gesuiti nel XVII secolo) sugli Aché si fa riferimento come "Guajagui", un termine di Guaranì dove la radice "Guaja" significa tribù nemica o cognato e "qui" e un suffisso comune Aché che significa "essenza di" o "avere la proprietà di".

La lingua Aché fornisce degli indizi sulla loro origine. Le indagini attuali suggeriscono che ha un lessico Tupí-Guaraní sovrapposto su una struttura grammaticale non presente nelle lingue Guaranì. Le analisi genetiche suggeriscono che gli Aché siano un gruppo biologicamente misto d'origine. Circa il 60-65% sono geni Tupí-Guaraní e il 35-40% sono affini ai Macro-Ge (o Je).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Clastres, P., Chronique des Indiens Guayaki, Plon, 1972.
  • Fabietti, U., Storia dell'antropologia, Bologna, Zanichelli, 2011.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Aché." Ethnologue. Consultato il 14 febbraio 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]