Descent: Freespace 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Descent: Freespace 2
Sviluppo Volition
Pubblicazione Interplay
Serie Descent
Data di pubblicazione 1999
Genere Simulatore di volo, Sparatutto
Tema Fantascienza
Modalità di gioco Giocatore singolo, multigiocatore
Piattaforma Windows, Mac OS X, Linux
Supporto 3 CD
Requisiti di sistema 200 MHz CPU, 32 MB RAM (1 GHz, 512 MB RAM, 32 MB VRAM grafica per la versione SCP di base)
Periferiche di input Mouse, tastiera, joystick
Preceduto da Descent: FreeSpace - The Great War

Descent: Freespace 2 è un videogioco sviluppato da Volition e pubblicato nel 1999. È il seguito di Descent: Freespace, e il terzo episodio della serie Descent (il primo titolo fu realizzato dalla Parallax Software nel 1995).

Come nei precedenti titoli della serie Descent, in Freespace 2 il giocatore pilota un'astronave da combattimento immersa in un ambiente 3D. Al combattimento in stile sparatutto si unisce lo sviluppo di una trama piuttosto elaborata. Il gioco fu ben accolto dalla critica ma ebbe un successo commerciale non esaltante e inferiore a quello dei precedenti titoli della serie a causa di un sistema pubblicitario che non permise a FreeSpace 2 di diventare popolare.

Il codice del motore grafico di Freespace 2 fu reso pubblico dalla Volition, consentendo una proliferazione di mod anche sostanziali al gioco base. Il principale utilizzatore del codice sorgente è ora il "Freespace Source Code Project", che tuttora dimostra il suo impegno nello sviluppo costante del gioco, non solo tramite mod, ma anche tramite miglioramenti sostanziali, quali potenziamenti del motore grafico, audio e di gameplay. Tra i lavori degni di nota del gruppo risalta sicuramente l'aver fatto un port della storia originale di Freespace 1.

Il gioco originale (ovvero non nella versione del Source Code Project) è ora di proprietà di Good Old Games.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama comincia diversi anni dopo la fine della Grande Guerra conclusa con la battaglia di Deneb e la distruzione della micidiale Super-Corazzata Shivan, la Lucifer. La sua esplosione nel sub-spazio, però, provocò un collasso del nodo tagliando ogni collegamento con la Terra... Ora, la GTVA, la grande alleanza Terrestre-Vasudana ha un nuovo avversario: il Neo-Terran Front o NTF, un'organizzazione ribelle guidata dal carismatico Bosch. Essa non accetta la collaborazione fra Terrestri e Vasudani, promuovendo una ambita supremazia ed indipendenza della razza umana come unica governatrice. Tuttavia il "filo storico" segue una nuova aggressione da parte degli Shivan, la razza portatrice di devastazione che tenterà una nuova invasione nei sistemi alleati con una forza d'attacco infinitamente superiore a quella della Grande Guerra. Dopo vari colpi di scena con improvvise e terribili comparse di incrociatori, corvette e corazzate nemiche, "assassini" di intere flotte alleate tra le più affidabili, neutralizzate dalla Colossus, la più potente nave da guerra mai costruita, il vero pericolo verrà svelato dall'entrata in gioco della Sathanas, un immenso Juggernaut di grandezza e potenza equiparabile alla Colossus. La distruzione dello Juggernaut non sarà sufficiente comunque a fermare l'avanzata Shivan in quanto le sue risorse appaiono illimitate...

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]