Dendrobium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dendrobium
Dendrobium infundibulum OrchidsBln0906.jpg
Dendrobium infundibulum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Dendrobiaeae
Sottotribù Dendrobiinae
Genere Dendrobium
Sw., 1799
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Specie

Dendrobium Sw., 1799 è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Orchidaceae, scoperto e classificato dal botanico Olof Peter Swartz nel 1799.
Il nome deriva dal greco 'dendron' che significa albero e 'bios' cioè vita, dato dal fatto che questo genere di piante tropicali, vive in natura abbarbicato ai rami degli alberi, traendo nutrimento dall' atmosfera umida tipica delle foreste equatoriali. Sono anche dette orchidee bamboo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Orchidee epifite, i Dendrobium presentano fusti rigonfi e nodosi detti pseudobulbi, nei quali conservano una scorta di nutrimento e di acqua, che consente loro di sopravvivere durante la stagione secca. Essi sono molto simili a canne di bamboo e la loro lunghezza varia da pochi centimetri ad oltre un metro, e da essa dipende anche il portamento; eretto nelle specie a stelo corto oppure ricadente in quelle con gli steli più lunghi.
Le foglie sono disposte a coppie lungo i nodi dello stelo e sono nella gran parte delle specie decidue, seccandosi e lasciando gli steli spogli durante la stagione del riposo. All'inizio della primavera, che coincide con la stagione delle piogge, la pianta riprende a vegetare, e dai nodi degli pseudobulbi dell'anno precedente, spuntano i boccioli. Anche qui sono molto variabili nei colori e nelle forme. Giallo, bianco e rosa sono i predominanti e si presentano singoli o raggruppati a grappolo. In alcune specie essi sono delicatamente profumati.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il genere ha un vasto areale che va dalle montagne dell'Himalaya in India, alla Malesia, alla Cina, fino al Giappone e in ristretto numero anche ai territori settentrionali dell'Australia.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Specie di Dendrobium.

Il genere Dendrobium comprende circa 1500 specie ed è al secondo posto per numero di specie nella famiglia delle orchidee. Una specie endemica della Nuova Zelanda, conosciuta come Dendrobium cunninghamii, è oggi ascritta al genere monospecifico Winika (Winika cunninghamii).

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Essendo un gruppo molto numeroso non si possono assimilare tutte le specie allo stesso modo di coltivazione. Per semplicità i Dendrobium sono stati divisi in due gruppi distinti in base alle specifiche esigenze. Le specie e gli ibridi che si trovano comunemente in commercio, sono spesso riconducibili al Dendrobium nobile. Sono i più rustici e necessitano di un periodo di riposo invernale a temperature di 10 gradi e totale assenza di innaffiature. Sono decidui e gli pseudobulbi si presenteranno come bastoncini raggrinziti e rinsecchiti. Solo con l'arrivo della primavera, la pianta inizierà a vegetare e si dovrà iniziare ad annaffiare e concimare regolarmente. I nodi si gonfieranno e spunteranno i primi boccioli. La pianta inizierà a produrre nuovi getti che daranno vita durante l'estate ai nuovi steli. Si potranno tenere all'esterno, alla luce e in luoghi ben ventilati. Evitare i raggi del sole diretti, fino a quando i primi freddi segneranno l'inizio del riposo e la sospensione delle annaffiature. In questo modo la fioritura dell'anno seguente ne sarà stimolata.
Il secondo gruppo si differenzia sostanzialmente per la temperatura di coltivazione che non dovrà mai essere inferiore ai 15-18 gradi. Questo gruppo è riconducibile a Dendrobium phalaenopsis. Da coltivarsi tutto l'anno in serra, in luoghi luminosi e ben aerati. Anche questi si possono coltivare in casa, scegliendo luoghi lontani da correnti d'aria, e fornendo umidità costante, per esempio posizionando i vasi sopra uno strato di argilla espansa tenuta umida. Questa è comunque buona norma per ogni specie di orchidea. La concimazione va fatta con una soluzione molto diluita e il rinvaso va fatto soltanto quando non si può evitarlo. Queste piante infatti non traggono alcun nutrimento dal substrato in cui crescono; esso serve solo per sorreggerle ed imita in qualche modo la corteccia dei tronchi dove vivono in natura, quindi vasi troppo grandi saranno soltanto d'intralcio e favoriranno il marciume dell'apparato radicale. In ogni caso, l'occasione del rinvaso può servire per dividere le piante, togliendo gli pseudobulbi troppo vecchi, oppure per ottenere nuovi esemplari dalla pianta madre. Una pianta di Dendrobium avrà la forza di crescere e di svilupparsi se divisa avendo cura di lasciare 3-4 pseudobulbi uniti fra loro. Nuove piante si possono ottenere anche dai keiki, dei getti con radici che a volte la pianta madre stessa emette dai nodi lungo lo stelo. Quando saranno sufficientemente sviluppati e avranno un proprio apparato radicale si potranno tagliare e sistemare in piccoli vasi con un substrato fine.

Dendrobium ibridi in un vivaio

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Merita di essere citato l'ibridatore storico dei Dendrobium, Jiro Yamamoto, un giapponese che lavora alle Hawaii i cui ibridi, noti come "Yamamoto", sono apprezzati in tutto il mondo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica