Deferoxamina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Deferoxamina
{{{immagine1_descrizione}}}
{{{immagine2_descrizione}}}
Caratteristiche generali
Massa molecolare (u) 560.684 g/mol
Numero CAS [70-51-9]
Codice ATC V03AC01
PubChem 2973
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

La deferoxamina è il nome di un principio attivo che si utilizza contro le intossicazioni da ferro.

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Da evitare in caso di gravidanza e allattamento materno.

Dosaggi[modifica | modifica sorgente]

  • 15 mg/kg/ora (dose massima 80mg/kg al giorno)

Effetti indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Fra gli effetti collaterali più frequenti si riscontrano febbre, cefalea, nausea, artralgie, mialgie, ipotensione, inoltre si riscontrano vari disturbi udito-visivi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 20.09.2012, riferita al mesilato

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina