Daihatsu Cuore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di Cuore, vedi Cuore (disambigua).
Daihatsu Cuore
Daihatsu Cuore Crete 1982.jpg
Daihatsu Cuore I serie
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Daihatsu
Tipo principale Citycar
Produzione dal 1980
Euro NCAP 4 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.410 mm
Larghezza 1.475 mm
Altezza 1.500 mm
Passo 2.375 mm
Massa 740 kg
Altro
Auto simili Fiat 600
Peugeot 107
Note dati relativi alla sesta serie
Daihatsu Mira1998.JPG
Daihatsu Cuore V

Daihatsu Cuore è il nome utilizzato all'estero della Daihatsu Mira, modello di citycar di segmento A prodotto dalla casa automobilistica giapponese Daihatsu fin dal 1980. Quella presentata alla fine del 2007 può essere considerata la settima serie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La vettura per le sue dimensioni particolarmente ridotte, in Giappone fa parte della categoria delle vetture Keicar, agevolate dal punto di vista fiscale. Nel resto del mondo tale categoria non esiste, ma la vettura resta comunque un'ottima citycar: basti considerare che il raggio di sterzata è di soli 4,2 m. Gli esemplari importati in Europa oltre ad essere leggermente più lunghi a causa di paraurti specifici sono equipaggiati con motorizzazioni di cilindrata più grande.

Inizialmente dotata di un motore bicilindrico da circa 550 cm³, nelle ultime versioni in vendita in Italia è montato un tricilindrico da 989 cm³ a fasatura variabile erogante 43 kW a 6000 giri/min. In altre nazioni la gamma di motorizzazioni è più ampia, ed esistono anche in versioni "turbo". Parimenti, sul mercato italiano è in vendita la sola versione a 2 ruote motrici, mentre altrove viene distribuita anche una vettura a trazione integrale. La prima Cuore importata in Italia è stata la seconda serie ma a causa delle scarse richieste fu ritirata dal mercato dopo pochi anni.

Nel 1998 la Daihatsu decise di re-importare la Cuore giunta ormai alla quinta generazione.

Daihatsu Cuore VII

La sesta serie debuttò nel 2003 al Salone di Ginevra; equipaggiata con un motore tre cilindri da 1 litro per 58 cavalli era disponibile sia nelle varianti a 3 porte che a 5 ed era equipaggiata con una ricca dotazione di serie. Uno tra i principali optional era il cambio automatico a 4 rapporti. Nel mese di dicembre del 2006, è stata presentata la settima generazione, commercializzata a partire dal settembre dell'anno seguente, profondamente rivista nella linea disegnata dall'Italdesign di Giorgetto Giugiaro. Le dimensioni esterne sono state lievemente incrementate rispetto alla serie precedente, raggiungendo la lunghezza di 3.460 mm e l'altezza di 1.530 mm, restando invariata la larghezza.

Anche il peso ha subito un leggero incremento raggiungendo i 765 kg. La nuova motorizzazione proposta, sempre con la medesima cubatura, è da 51 kW (69 CV) sempre a 6.000 g/m e riesce a fornire una coppia da 94 Nm a 3400 giri.

Posteriore della Cuore VII

Sono resi disponibili due cambi, manuale a 5 marce e automatico a 4 rapporti. L'impianto frenante è di tipo misto, a dischi anteriormente e a tamburi posteriormente.

Nel 2008 è stata sottoposta al crash test dell'EuroNCAP totalizzando il punteggio di quattro stelle.

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata Potenza Coppia Massima Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
1.0 dal 2007 Benzina 998 51 Kw (69 Cv) 94 (Nm) 104 11.1 160 22.7

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili